Tag Archives: hardware

Thermaltake Silver-River II

Ho sia un PC desktop che un portatile e cercavo una soluzione per gestirli con un unico profilo utente, senza spendere tanti soldi. Potevo mantenerne due sincronizzati ma così avrei sprecato troppo spazio (all’incirca 8 GB di dati) e tempo tra upload e download da uno all’altro; inoltre sarei stato costretto a lasciare i due computer accesi per la sincronizzazione. Nel mio caso era meglio condividere un disco rigido fra i due elaboratori.
Il Thermaltake Silver River II è un dispositivo ultra compatto con collegamento USB per il trasporto dei dati memorizzati su un hard disk di tipo SATA da 2.5” di larghezza, quelli comunemente montati all’interno dei portatili.

Confezione Silver-River II
Confezione Silver-River II

La scatola di questa componente hardware ha dimensioni contenute, di solido cartone e con una veste grafica elegante. Lo sfondo bianco mette subito in risalto l’immagine dell’apparecchio posta al centro della parte superiore della scatola. Le informazioni tecniche più dettagliate sono riportate sul lato inferiore, mentre sui fianchi appaiono alcune piccole foto dei suoi caratteri distintivi: la rifinitura a taglio di diamante; la superficie di metallo trattata con abrasivi e verniciata di nero; l’indicatore LED e gli accessori presenti nella confezione (il cacciavite, la custodia protettiva, la garanzia e le istruzioni d’installazione). L’imballaggio nel complesso garantisce l’adeguata protezione del dispositivo.

Un imballaggio accurato
Un imballaggio accurato

Il montaggio è una procedura elementare, tant’è che le istruzioni sono stampate sulla singola facciata di un foglio volante e descrivono una sequenza di sei operazioni, dall’apertura del box al collegamento USB:

  1. Togliere la coppia di viti che sigillano il contenitore.
  2. Sfilare il pannello di controllo per l’unità disco rigido.
  3. Collegare l’hard disk da 2” alla presa SATA del circuito stampato.
  4. Infilare la memoria di massa nel corpo del dispositivo Silver-River II.
  5. Avvitare le viti.
  6. Connettere il cavo USB alla presa del box e a quella del PC.
Collegamento unità - scheda
Collegamento unità – scheda

A questo punto, con il computer acceso e collegato all’unità, ho effettuato un test della velocità di lettura, prima con un programma generico e grafico (il gestore di dischi di Ubuntu), successivamente con un programma specifico e orientato ai caratteri (il ben noto hdparm). Dati alla mano, le prestazioni in fase di lettura erano il cinquanta per cento di quelle dello stesso disco rigido quando montato all’interno del PC. Thermaltake non dichiara il transfer rate del Silver-River II, ma è risultato nella media per questo tipo di periferica: 32 MB/s (si veda a tal proposito l’altro mio test su un Hard Disk esterno con Icy Box).

Test Samsung HM321HI esterno
Test Samsung HM321HI esterno

Nella scelta di un drive portatile, l’importante è che l’alimentazione sia fornita dal collegamento USB, per minimizzare l’ingombro e agevolare l’installazione; il Silver-River II ha questo prerequisito. La trasportabilità, la condivisione e il salvataggio (backup) dei dati, sono gli altri tre aspetti che contano. Anche se è possibile utilizzarlo per avviare il sistema operativo, non risulta conveniente perché il segnale trasmesso viaggia al di sotto della massima banda disponibile, ovvero circa la metà del collegamento USB (480 Mbit/s) e un terzo del canale SATA (1500 Mbit/s).

Collegamento Silver-River II
Collegamento Silver-River II

 

Come collaudare la macchina. Phoronix Test Suite Feet e Hardinfo

Benchamark, Test, Profiler, sono parole chiavi che usiamo con una certa frequenza per riferirci alle analisi qualitative e quantitative effettuate sulle componenti dei nostri computer. Forse, dopo l’acquisto o il montaggio pezzo per pezzo di un PC, la prima cosa che desideriamo è conoscere i pregi e i difetti del sistema quando esso viene sottoposto a intense elaborazioni, in poche parole vogliamo scoprirne il rendimento. Questi carichi di lavoro hanno diversa natura, a volte vengono fatti con funzioni matematiche complesse, altre con applicazioni grafiche (demo) o videogiochi che sollecitano maggiormente i vari dispositivi installati: CPU, disco rigido, memoria, scheda grafica, scheda audio, scheda di rete. L’argomento è di vitale importanza per un giocatore ben informato.

Mentre gli utenti dei sistemi Windows hanno un’idea precisa su quale software adoperare – faccio un esempio: 3DMark, divenuto molto popolare con gli anni – per compiere queste analisi sull’hardware, al contrario gli utenti Linux sono un po’ disorientati perché trovano tanti piccoli software specializzati, spesso datati. Non c’è insomma uno strumento preciso e indiscusso sul quale fare affidamento nelle prove.

Phoronix Test Suite (PTS)

Phoronix è un sito web che dal 2004 tratta di tecnologia informatica, soprattutto effettua analisi e comparazioni di prodotti hardware e software per Linux. Phoronix si può considerare un giornale autorevole in questo campo. I loro articoli hanno ricevuto riconoscimenti da molte parti: CNET, Slashdot soltanto per citare alcuni portali famosi. Io accolgo volentieri la loro ultima iniziativa editoriale, ossia creare una guida destinata all’utente a casa per interpretare i risultati dei test, nonché una raccolta di programmi che automatizzi il processo di benchmarking. Phoronix Test Suite (sito ufficiale in preparazione) fornirà sia la documentazione, sia i programmi da eseguire in una interfaccia grafica GTK. I risultati saranno poi archiviati in file XML e XSL per essere facilmente esportati ad altri formati, trasformati in istogrammi (si veda Phx Grapher Utility, detto anche pts-grapher) da incapsulare direttamente nelle pagine web oppure semplicemente visualizzati dal viewer creato “ad hoc“. Quando gli utenti ripeteranno i benchmark con i propri sistemi e pubblicherano i dati online, indirettamente invoglieranno i produttori degli oggetti hardware più disparati a ottimizzare i driver e il supporto in generale per Linux. Per raggiungere tale scopo, è fondamentale però rispettare uno standard o utilizzare almeno lo stesso insieme di programmi, pertanto mi adeguerò in futuro alle direttive di Phoronix.

Hardinfo

Hardinfo: la finestra principale
Hardinfo: la finestra principale

Questo programma sicuramente non va sottovalutato. Può raccogliere informazioni dal tuo sistema a livello hardware e software, effettuare benchmarks e salvare i risultati in formato html o testo, persino inviarli al database centrale di Hardinfo (synchronizing) e scaricare quelli degli altri utenti per rendere la comparazione piu’ precisa. Permette di integrare facilmente altri benchmarks o applicazioni come moduli, rendendo le possibilità di espansione praticamente infinite o limitate solo dalla nostra immaginazione; un programma bomba! Potrebbe essere questa in futuro la GUI definitiva per Phoronix Test Suite dato che Michael Larabel, a capo di Phoronix, si è dichiarato recentemente interessato. Le pagine html che seguono sono state prodotte proprio con Hardinfo, l’ho eseguito sul portatile che attualmente uso per giocare: il mio Asus A6Tc.