Tag Archives: cpu

Una sintesi del PC Gigabyte S-Series

Il PC Gigabyte S-Series (denominato Frag Storm) è un computer IBM compatibile con processore a doppio core che ho assemblato l’estate scorsa. Volevo un sistema radicalmente nuovo, cioè costruito da zero usando componenti più moderne, soprattutto per giocare a Savage 2, dato che il portatile A6Tc non lo reggeva veramente bene. Tuttora lo ritengo adatto anche per i giochi che acquisterò o proverò in futuro: Unreal Tournament 3, Postal 3, Rage, ecc. Dopo sei mesi, scrivo finalmente questo articolo soddisfatto dei risultati ottenuti e allego i grafici dell’ultima analisi effettuata sulle memorie DDR2 con la ben nota collezione di programmi Phoronix Test Suite per Linux. Le componenti che costituiscono il Frag Storm sono elencate di seguito assieme alle foto scattate all’epoca del montaggio. Dove possibile riporto il prezzo aggiornato di ogni pezzo.

Scheda madre

GIGABYTE – GA-M57SLI-S4 è la scheda madre che ho acquistato. La scatola include il manuale dell’utente in lingua francese e in inglese. Gigabyte è una marca che non ha bisogno certo di presentazioni; ho preferito il presente modello principalmente per tre motivi: il chipset è nForce, ha il dissipatore passivo e il disegno costruttivo della scheda appare molto elegante. Fa insomma un figurone con i cabinet aperti o semplicemente dotati di finestra come il mio. Colpisce subito lo stile grafico utilizzato per la stampa delle informazioni sulla scatola e sul libretto informativo, grazie alla scelta indovinata dei colori bianco/arancione/giallo/verde, con sigle evidenti sul lato superiore e diciture esaustive su quello inferiore. I loghi delle principali caratteristiche tecniche spiccano fra tutto il resto: Gamer’s Choice! SLI. Speed. Smart. Safe SATA 3Gb/s. Support AM2+ CPU. C’è un doppio involucro: quello esterno è sottile e patinato, quello interno si dimostra più robusto per custodire la scheda madre e gli accessori. Se la confezione è di qualità, si può tenerla in mostra sugli scaffali oppure rivendere l’oggetto senza pericolo di danneggiarlo durante la spedizione. Però le cose che mi piacciono particolarmente, come la Gigabyte M57SLI-S4, alla fine le custodisco nell’imballo originale in un armadietto, lontano dalla polvere e dall’umidità. Il codice GA-M57SLI-S4 fa riferimento al controller nForce 570 SLI e alle quattro funzioni principali offerte: SLI, Speed, Smart e Safe.

Dal punto di vista informatico, sulla mobo (da mother board) è saldato il socket AM2, adatto per l’installazione dei modelli Athlon 64 FX, Athlon 64 X2 Dual Core, Athlon 64 e Sempron. Il sito web di riferimento (vd. dettagli GA-M57SLI-S4) e la confezione specificano che la mother board ha la compatibilità per AM2+, il supporto si estende quindi anche alle CPU Phenom X3 e X4. E’ scontato che con queste capacità di espansione, si può ancora far ricorso ad un aggiornamento del sistema a un anno dall’acquisto o persino oltre. Il bus HyperTransport (FSB) collega la CPU al chipset per le operazioni di Input/output. I banchi della memoria Dram sono invece direttamente connesse alla CPU tramite la tecnologia Direct Connect Architecture, mentre il processore (MCP) nForce 570 SLI di nVidia permette l’inserimento di due schede video sui pettini PCIe x16 disponibili; le schede si abbassano però a lavorare in parallelo su due vie a x8, è il limite del chipset. Oggi questa configurazione, denominata SLI, garantisce anche agli utenti del sitema operativo Linux un incremento delle prestazioni nella grafica e nei giochi rispetto alla soluzione con scheda video singola. La scheda con un grosso dissipatore, se inserita nel secondo bus PCIe x16, rende inutilizzabile l’adiacente slot PCI di vecchia generazione a causa del layout compatto. Per quanto riguarda le connessioni di input/output di nForce, ci sono: un connettore per floppy disk, un connettore per dispositivi IDE (ATA 33/66/100/133), sei connettori SATA-II da 3GB/s, incluso il supporto via hardware per combinare i dischi in RAID 0, RAID 1, RAID 0+1 e RAID 5 i dischi SATA. Il Marvell 88E1116 è il microcontrollore LAN ethernet da 10/100/1000 Mbit, regolato dal modulo nforcedeth del kernel di Linux. L’audio viene prodotto dal chip Realtek ALC888, con le più diffuse caratteristiche attualmente disponibili: High Definition Audio, configurazioni da 2/4/6/8 canali, riproduzione diretta dal lettore CD, ingresso e uscita S/PDIF. Le dieci porte USB consentono il collegamento di un soddisfacente numero di periferiche: stampante, mouse, tastiera, ricevitori DVB-T, e molto altro. Prezzo, iva inclusa: 70,80

Cabinet

Thermaltake – Armor Jr. Per l’assemblaggio del Lan Party UT250 avevo scelto il Vostok di Enermax, un cabinet robusto ed economico, ma per il nuovo PC volevo fare le cose in grande stile comprandone uno munito di finestra che non costasse un patrimonio e che potesse eventualmente ospitare un sistema di raffreddamento a liquido. Poiché la postazione di lavoro era composta da mobili di legno in pino massiccio, dovevo procurarmi un case di colore nero, di tipo miditower, non troppo pesante perché l’avrei collocato su uno scaffale IVAR di IKEA che porta al massimo venticinque chili per ripiano. Il Thermaltake Armor Jr. mi piaceva esteticamente ed era proprio adatto ai miei scopi. L’avevo ricevuto a casa ad agosto, imballato in uno scatolone con doppio strato di cartone, ma all’interno protetto ulteriormente da cuscinetti di polistirolo e da una cuffia di materiale sintetico tessuto a “nido d’ape”. Oggi si trova in commercio in diverse versioni, con alimentatore a partire da 400W oppure senza alimentazione. L’Armor Jr. presenta due lunghe placche di alluminio che realizzano una originale armatura per il pannello anteriore. All’occorrenza le ante vanno aperte, per far scorrere il cassetto del lettore di DVD oppure per raggiungere meglio i pulsanti dei dispositivi di controllo (accensione, spegnimento, raffreddamento, ecc.). La finestra di plastica del fianco sinistro non ha una linea semplice, si distinguono quattro curve che lasciano comunque intravedere la scheda madre e buona parte dei cestelli per gli apparecchi da tre e cinque pollici. Sul lato posteriore in alto c’è spazio per il blocco di alimentazione, al centro si vedono gli sfiatatoi esagonali della generosa ventola di raffreddamento da dodici centimentri, in basso le sette aperture per l’upgrade hanno un efficacie sistema di bloccaggio delle schede. Il cabinet è conforme allo standard ATX, con la possibilità di cambiarlo a BTX mediante un kit supplementare. All’interno i cavi di vari colori del bottone d’accensione, di reset e delle spie luminose sono intrecciati fra loro; invece i fili per le prese (nascoste da uno sportellino sul lato superiore) USB, Firewire e audio sono isolati da una guaina nera. Dietro al pannello anteriore è stata installata, all’altezza del cesto più piccolo, un’altra ventola da dodici centimetri con led di colore blu incorporato. La ventola fa un effetto suggestivo a computer accceso, ma di nascosto esegue anche un lavoro molto utile: convoglia un flusso d’aria fresca ai dischi rigidi e alle restanti componenti. Prezzo, iva inclusa: 115,20

CPU e memoria

CPU e memoria sono rispettivamente i modelli AMD – Athlon 64 X2 e Kingston – KVR800D2N5. Il processore Amd Athlon 64 X2 4800+ per socket AM2 ha un doppio core con frequenza operativa di 2.5 Ghz, consuma 65 Watt e dispone di una cache L1 da 128Kb e L2 da 512Kb per ciascuna cpu. Ad agosto costava 53€; non è più in commercio.
La memoria Kingston KVN800D2N5 ha 8 chip per lato da 64MB ciascuno, è di tipo DDR2 da 800MHz e appartiene alla categoria ValueRAM per sistemi desktop generici; non presenta un dissipatore passivo. Avendo acquistato due moduli, ho speso 44€, ma oggi si trovano a circa 13,50€ cadauno. Ho ritenuto opportuno installare 2GB, per ottenere stabilità e fluidità di gioco soprattutto in Savage 2. Il test con ramspeed ha rivelato una velocità di trasferimento pari a 2262 MB che non sembra eccezionale, ma resta pur sempre nella norma.

Assemblaggio e alimentatore

Per il montaggio del PC ho utilizzato soltanto il cacciavite e la forbice, impiegando circa un’ora. L’alimentatore iTek fornisce 500 Watt di potenza, la minima per un sistema SLI; però io ho acquistato una sola scheda video, di per sé già abbastanza potente: la nVidia GeForce 8600 GTS di XFX. Questo modello GeForce 8, avendo una GPU con frequenza di 675MHz e 256MB di memoriea DDR3 da 1008MHz, supera notevolmente la GeForce 7300 Go del portatile nei giochi eseguiti ad alte risoluzioni (anche dell’ordine di 1680×1024 pixels).

 

Quake Wars 1.2 R5, nVidia GeForce 7300 Go e Linux From Scratch 6.3. Nuovo bench

Propongo in questo articolo i risultati del benchmark effettuato tra ieri e oggi sul mio portatile con il driver beta 169.04 per schede nVidia e il gioco Quake Wars.

Non posso dire con assoluta certezza se questa versione incrementa le prestazioni di Quake Wars, perché i dati relativi al timeNetdemo che ho in mano non superano nettamente quelli rilevati all’inizio di novembre. C’è stato un progresso, ecco.
Il problema di stabilità riscontrato con il driver Nvidia della serie 100.XX durante l’ultimo test con LFS 6.3 non si è più ripresentato, per esempio. Non potendo usare il driver 1.0-9755 a causa del kernel installato, a questo punto il “169.04″ è, fra tutti quelli disponibili, il driver che devo preferire per giocare. Tra l’altro è stata aggiunta, nel pannello di controllo della scheda video, una interfaccia alla tecnologia PowerMizer per monitorare lo stato della GPU (vedasi immagine a lato). PowerMizer è una peculiarità delle GeForce per mobile computing (Go 7300, 8600M). Essa gestisce efficientemente la potenza richiesta dalla GPU nei vari task. Ma nemmeno passando da Quake Wars 1.2-11401 a 1.2-11663 con la release 5 (R5) del client di gioco, il frame rate medio è migliorato. E’ proprio giunto il momento di esaminare un sistema hardware alternativo.
Anche stavolta ho considerato per la prova tre livelli di dettaglio, corrispondenti alle denominazioni: “low quality”, “medium quality”, “high quality”; essi si determinano opportunamente variando i parametri principali della grafica, nella scheda delle impostazioni video del gioco. Ho usato la mappa Salvage, registrata tempo fa durante una partita online, per il timeNetDemo.

Sta Quake Wars sfruttando pienamente le capacità multithreading della CPU Dual Core montata sul portatile A6Tc? Probabilmente no. La variabile r_useThreadedRenderer ha internamente valore 0 ed è impossibile cambiarlo. A proposito di questo, spero di raccogliere maggiori informazioni per il prossimo articolo sul tweaking.
Alla risoluzione di 1280×1024 pixels e dettagli minimi ho rilevato 24.1 FPS. Qui mi fermo, perché nemmenno con i dettagli alti a 800×600 ho potuto far girare il timeNetDemo, purtroppo.