Tag Archives: benckmark

Hard Disk esterno con Icy Box

Pochi giorni fa si è guastato il mio computer portatile Asus che usavo da almeno tre anni, in attività di vario tipo. Ho effettuato un controllo alla sua parte elettronica, ma non c’era più nulla da fare. Si è surriscaldato durante queste giornate afose di luglio; già altri proprietari del modello A6Tc hanno subìto prima di me lo stesso danno. Probabilmente per un errore di progettazione la scheda video ha raggiunto temperature elevate, bruciandosi.

Grazie alla modularità dei laptop moderni, certi elementi possono essere sostituiti in caso di rottura con altri più potenti o recuperati dai sistemi mal funzionanti. Mi dispiaceva rinunciare a 80 GB del disco rigido installato nel portatile, quello spazio poteva servirmi come memoria ausiliaria per il salvataggio di documenti, musiche, foto e file multimediali. Dovevo riciclare questa vecchia componente acquistando un box esterno.

Quasi sempre si tratta di unità da 2,5” di larghezza, con uno spessore molto piccolo, al fine di ingombrare il meno possibile. La funzione principale del dispositivo Icy Box B-220U-Wh è di collegare un disco rigido da 2,5” con interfaccia IDE a un computer via cavo seriale USB. Non solo permette di recuperare i vecchi dischi da portatili in disuso, ma si rivela anche un accessorio molto comodo in periodi di vacanze, avendo una trasportabilità eccezionale: è leggerissimo e si infila facilmente in un marsupio.

Il box acceso
Il box acceso

Imballaggio

Sull’involucro di cartone spiccano i grandi caratteri bianchi su sfondo nero usati per il marchio del fabbricante, la foto del dispositivo e un corpo di donna stilizzato che rammenta la leggerezza di questo prodotto. La confezione presenta inoltre una finestra nel punto dove il dispositivo è stato imballato: essa permette all’acquirente di farsi una chiara idea delle dimensioni dell’oggetto rispetto alla scatola che è molto più grande.
All’interno abbiamo la guida cartacea per il montaggio, un CD con il software di controllo e backup per Windows e alcuni accessori. Le spiegazioni sono tradotte in varie lingue, c’è anche l’italiano. I programmi sono superflui, se si intende adoperare l’Icy Box in un ambiente Linux. Invece la custodia di similpelle, il cavo USB e persino il cacciavite per il serraggio delle viti sono veramente utili.

Caratteristiche del prodotto

Le caratteristiche salienti del dispositivo riportate dal fabbricante sono essenzialmente quattro: un’eccellente dissipazione del calore fornita dalla base in alluminio; le dimensioni ridotte permettono un facile trasporto; un collegamento USB 2.0 da 420Mbit/s (60MB/s) che procura l’alimentazione (non c’è necessità di un alimentatore supplementare); supporta dischi da 2,5” alti fino a 9mm, ossia la maggioranza installata nei portatili di marca.

Montaggio e manutenzione

Poiché non sono richieste competenze particolari, il montaggio è alla portata di tutti; talmente facile e intuitivo che si può trascurare il manuale. Prima di tutto bisogna aprire il box, separando il coperchio bianco dalla base metallica. Poi si attacca il disco rigido al pettine PATA saldato sulla piccola basetta, dove trovano posto anche il controller , i tre led di segnalazione e la presa di alimentazione/trasmissione dati. Sul lato interno del coperchio ci sono le sedi per il circuito elettronico, esse servono anche per fissare fra loro i pezzi del box tramite due viti. La superficie esterna del dissipatore è protetta da una pellicola di plastica contro i graffi: può essere strappata dopo l’avvitamento delle viti al coperchio. L’assemblaggio si sbriga in dieci minuti, dopodiché basta allacciare la nuova periferica al computer con il cavo USB e accedere alla memoria di massa tramite le funzioni del sistema operativo. La superficie esterna si pulisce da impronte e polvere con un panno di “microfibra” che è impiegata spesso su altri oggetti domestici (CD, occhiali, ecc.), con risultati soddisfacenti.

Il Seagate Momentous 5400.2 aveva un laccio che agevolava l’estrazione dal suo alloggiamento nel portatile, ma ostacolava in questo caso la chiusura della scatoletta, per cui l’ho rimosso con un paio di forbici.

Momentous 5400.2
Momentous 5400.2

Per la progettazione della componente B-220U-Wh, Icy Box ha tenuto conto di tre principali funzionalità che espongo di seguito:

  1. L’impiego di materiali particolari (plastica e alluminio) per smorzare le vibrazioni del disco rigido
  2.  L’isolamento interno del disco rigido onde evitare il passaggio di eventuali correnti elettriche verso l’esterno.
  3. Fornire informazioni all’utente tramite tre led blu di segnalazione dello stato di accensione e utilizzo del dispositivo.

È stato prodotto un dispositivo maneggevole e leggero con un unico difetto: il chassis è difficile da riaprire senza un cacciavite, e si rischia di graffiare la superficie; il serraggio viene fatto solo con due viti su un lato e un incastro sull’altro.
Ho rilevato la velocità di trasmissione dei dati con il programma hdparm per Linux e l’ho poi verificato con il file manager Midnight Commander, trasferendo un file video di grosse dimensioni. Mentre il fabbricante prometteva picchi di 60MB/s, il Seagate Momentous 5400.2 lavorava a 30MB/s che è un valore molto inferiore rispetto alla media dei dischi SATA (70MB/s). Personalmente li ritengo sufficienti per la maggior parte delle applicazioni, ma non consiglio di utilizzare questa unità di accesso per giocare. In passato mi è capitato di mettere i Videogiochi su un hard disk SATA esterno che trasferiva informazioni via USB a 12MB/s, ma i grossi flussi di dati generavano tempi di caricamento appena accettabili.

La confezione
La confezione

Giganti del software a confronto

La storia di Unix ha qualcosa di sorprendente: Thompson e Ritchie iniziarono a svilupparlo nel 1969 nei Bell’s Lab e dopo quasi quarant’anni non si contano nemmeno più le sue varianti: System V, Xenix, BSD, Irix, SunOS, NetBSD, FreeBSD, e molti altri. Anche se alla fine tutti questi sistemi operativi discendono da appena due o tre tipi di Unix, oggi si notano ancora numerose caratteristiche in comune con l’originale di AT & T.
Soltanto negli ultimi tempi Linux si è affermato tra i sistemi operativi di fascia home computing, mentre FreeBSD ha catalizzato maggiormente l’interesse dei professionisti dell’high tech. Nonostante questo, spinto soprattutto dalla curiosità, ho provato l’ultima versione di FreeBSD (la 7.1) con i videogiochi, l’aspetto che prediligo di più di un computer. Purtroppo, i miei titoli preferiti non hanno funzionato. Ho rinunciato, per problemi vari, a giocare con Quake Wars, Quake 4 e Doom 3.

Pur senza svolgere un benchmark comparativo approfondito, ho potuto farmi una idea delle principali proprietà del sistema. Ora, non me la sento di dire se in generale FreeBSD sia migliore di Linux o viceversa, come dice Matthew D. Fuller nel suo blog: “siamo tutti d’accordo nel considerare Unix la scelta migliore, ma abbiamo idee divergenti su quale usare”. Entrambi hanno eccellenti qualità nell’ambito delle attività di Rete (networking), possono “girare” su molte architetture hardware in commercio, e vengono adoperati quando la sicurezza diventa un fattore critico per la salvaguardia delle informazioni o delle operazioni di un server. Sono pertanto la soluzione ideale per Lanparty o partite in multiplayer.

Spesso ci si riferisce con Linux solo al kernel (il nucleo, dall’inglese) del sistema operativo, mentre il nome FreeBSD viene dato all’insieme dei software che girano sul calcolatore sotto la licenza BSD. Un’altra differenza, abbastanza evidente, si riscontra nel ciclo di sviluppo: decentralizzato su Linux, centralizzato in FreeBSD. Il prodotto finale è di solito una distribuzione Linux che combina il kernel, gli strumenti di produttività, un ambiente desktop e altre applicazioni, mediante un gestore di pacchetti (deb, rpm, tar, ecc.); al contrario gli sviluppatori di FreeBSD lavorano sempre sullo stesso gruppo di programmi (base system) che consegnano aggiornato e pronto per l’installazione. Al massimo esistono delle varianti che soddisfano i gusti di determinate utenze di computer, ad esempio l’utente occasionale (casual user) di PC-BSD. Le maggiori distribuzioni Linux sono Ubuntu, OpenSUSE e Fedora. I derivati di FreeBSD più famosi sono PC-BSD, Mac OS X, m0n0wall.

BSD e GNU sono due licenze di utilizzo dei programmi, fra le tante disponibili nel panorama del software di tipo open source. Rispetto alle alternative, sono state preferite da una ampia base di sviluppatori fervidamente convinti dei vantaggi che la ridistribuzione del codice sorgente può portare alla società.

FreeBSD 7.1

Questa era la mia prima installazione di FreeBSD e pertanto temevo di commettere qualche pasticcio; durante la procedura tenevo pronto sulla scrivania un computer portatile collegato al sito Internet http://www.freebsd.org, per evitare di bloccarmi in passaggi poco chiari. La grafica del programma di setup (sysinstall), realizzata con la libreria curses, mi ha lasciato perplesso fin dall’inizio. Però è andato tutto liscio sotto ogni aspetto: scelta della lingua, configurazione della tastiera, impostazione della scheda e dei servizi di rete, selezione dei pacchetti software da un elenco di categorie, e così via. Io poi avevo già creato una partizione di tipo FreeBSD con fdisk di Ubuntu, quindi credo di aver semplificato il procedimento. Sapevo infatti che il “partizionamento” faceva riferimento alle unità logiche che si usano raramente in Linux.

Inizialmente volevo svolgere un benchmark con Phoronix Test Suite, poi ho avuto un ripensamento perché non riuscivo a fare la maggior parte dei test previsti. Visto l’insuccesso, ho ripiegato su un altro metodo, forse laborioso ma efficace: l’esecuzione del timedemo in Enemy Territory. Mi serviva la registrazione (demo) di una partita, da ripetere sia su Linux che FreeBSD con alcune opzioni per il calcolo del frame rate medio di ciascun sistema. Non immaginavo che dal confronto potesse risultare una differenza di prestazioni quasi insignificante. A 800×600 pixels c’era uno scarto di appena quattro frame per secondo e raggiunta la risoluzione di 1280×1024, con un alto livello di dettaglio dell’immagine, sia Linux che FreeBSD facevano cento frame al secondo. Questi dati dovrebbero incoraggiare anche i più scettici a trasferire Enemy Territory da un sistema all’altro. Di solito su FreeBSD i videogame per Linux sono eseguiti con un emulatore (linuxator) che il giocatore, avido come è di tempi di risposta rapidi, potrebbe giudicare male; ma in questo caso non ha penalizzato l’elaborazione in modo marcato. Il computer utilizzato per la prova era il mio PC “assemblato” con la seguente componentistica, già ampiamente descritta in passato:

  • CPU Amd Athlon 64 X2 4800+
  • Mobo Gigabyte GA-M57SLI-S4
  • Kingston KVR800D2N5 DDR2 800Mhz, 1024MB * 2
  • Hard Disk Western Digital Caviar 80GB, 7200 rpm, 8MB di cache
  • Scheda video XFX Nvidia GeForce 8600 GTS, 256MB DDR2

Il software preso in esame invece era:

  • Linux Ubuntu 8.10 (x86), Xorg 1.5.2, Nvidia 180.44
  • FreeBSD 7.1 (x86), Linuxator con Linux From Scratch 6.4, Xorg 1.5, Nvidia 180.44

Spesso gli utenti tornano a usare Linux dopo un breve periodo di prova di FreeBSD. Per varie ragioni: i giochi commerciali sono una rarità, devono installare un emulatore (linuxator oppure vmware), non tutti vengono eseguiti meglio che in Linux. Ma soprattutto hanno difficoltà a trovare altri giocatori, ai quali chiedere aiuto o consigli.

 

Linux e il 3D Benchmarking

L’analisi delle prestazioni di un elaboratore consiste nel misurare le capacità di calcolo con un insieme di programmi (carico di lavoro, detto workload) particolari. “Nella maggior parte dei casi le prestazioni sono l’attributo più importante nell’orientare la scelta fra diversi elaboratori disponibili” (Patterson e Hennessy, Struttura e progetto dei calcolatori, pag. 37). Certamente la misura da sola non suggerisce alcuna indicazione utile all’acquirente. Occorre ripeterla fra varie macchine, cioè svolgere un confronto e poi riferire i risultanti. Studiando questi dati, nel corso degli anni, i progettisti hanno perfezionato gli elementi del personal computer che davano maggiori prestazioni in certe aree piuttosto che in altre. L’acceleratore grafico (GPU) ha sostituito la CPU nei calcoli geometrici e si è specializzato sul rendering delle scene 3D. La tecnologia SLI (o l’alternativa Crossfire), di recente invenzione, promette di raddoppiare o triplicare (quasi), a seconda del numero di GPU messe in parallelo, le prestazioni dell’elaboratore con le applicazioni 3D che sono prevalentemente giochi basati su OpenGL o DirectX. Gli ingegneri hanno aggiunto poi alla GPU le istruzioni macchina per risolvere complicate formule di matematica e fisica, mi riferisco all’engine CUDA di nVidia. Una valutazione accurata sull’efficienza del sistema hardware e software viene svolta con un gruppo di benchmark. Si tratta spesso di programmi individuati fra quelli che l’utente utilizza abitualmente (Phoronix Test Suite), oppure sono applicazioni specifiche che esaminano determinate componenti (CPU2006, RAMSpeed, ecc). Oggi la grafica 3D richiede più potenza e memoria di qualsiasi altro programma per PC. Quando usiamo i videogiochi come carico di lavoro sul nostro banco di prova, otteniamo una previsione molto attendibile delle prestazioni del calcolatore. Il metodo è semplice. Possiamo valutare l’affidabilità del nostro computer partendo dai seguenti giochi: Quake III, Unreal Tournament 4, Doom 3, Enemy Territory, Quake Wars, Savage 2, Nexuiz, perché li troviamo a pagamento, gratuitamente o come demo nel World Wide Web e con uno sforzo minimo riusciamo a installarli in Linux.

Quake Wars

Quake Wars si adatta bene all’analisi delle prestazioni. Il suo motore grafico è derivato da Doom 3 e incorpora la tecnologia denominata MegaTexture che migliora indubbiamente l’aspetto del gioco negli spazi aperti della mappa. Possiamo adoperare, per il nostro scopo, la versione di prova oppure quella commerciale. Prima dobbiamo scegliere la mappa, quindi registrare una partita da Internet e poi ripetere la registrazione con una opzione determinata. Al termine dell’operazione, il motore grafico calcola il frame rate dividendo il numero totale di immagini che compongono l’animazione con il tempo, espresso in secondi, impiegato dalla macchina fisica per visualizzarle. Il risultato esprime l’effettiva prestazione della scheda grafica e del sottosistema hardware/software. Il valore suggerisce anche a quale risoluzione video possiamo giocare senza perdere troppa qualità nell’immagine.

Scarica uno dei pacchetti messi a disposizione per Linux

  1. Quake Wars demo v2.0 – Contiene la mappa Valley
  2. Quake Wars 1.5 Full – Richiede il DVD

Per registrare una partita, collegati a un server e premi il tasto F12. Troverai il file della registrazione nella directory:

$HOME/.etqw/base/demos

Dalla console del gioco esegui i seguenti comandi in successione:

com_unlock_FPS 1
com_unlock_timingMethod 0
com_showFPS 1
timeNetDemo FILENAME.ndm
condump FILENAME.log

Puoi mettere questi comandi, preceduti dalla parola chiave seta, in un file di testo chiamato NOMEFILE.cfg:

seta com_unlock_FPS 1
seta com_unlock_timingMethod 0
seta com_showFPS 1
timeNetDemo FILENAME.ndm (* questo senza seta *)

Poi dalla console devi soltanto invocarlo con: exec NOMEFILE.cfg

Non dimenticare la riga di comando di Unix che abilita la console (se disabilitata):

etqw +set com_AllowConsole 1