Giganti del software a confronto

La storia di Unix ha qualcosa di sorprendente: Thompson e Ritchie iniziarono a svilupparlo nel 1969 nei Bell’s Lab e dopo quasi quarant’anni non si contano nemmeno più le sue varianti: System V, Xenix, BSD, Irix, SunOS, NetBSD, FreeBSD, e molti altri. Anche se alla fine tutti questi sistemi operativi discendono da appena due o tre tipi di Unix, oggi si notano ancora numerose caratteristiche in comune con l’originale di AT & T.
Soltanto negli ultimi tempi Linux si è affermato tra i sistemi operativi di fascia home computing, mentre FreeBSD ha catalizzato maggiormente l’interesse dei professionisti dell’high tech. Nonostante questo, spinto soprattutto dalla curiosità, ho provato l’ultima versione di FreeBSD (la 7.1) con i videogiochi, l’aspetto che prediligo di più di un computer. Purtroppo, i miei titoli preferiti non hanno funzionato. Ho rinunciato, per problemi vari, a giocare con Quake Wars, Quake 4 e Doom 3.

Pur senza svolgere un benchmark comparativo approfondito, ho potuto farmi una idea delle principali proprietà del sistema. Ora, non me la sento di dire se in generale FreeBSD sia migliore di Linux o viceversa, come dice Matthew D. Fuller nel suo blog: “siamo tutti d’accordo nel considerare Unix la scelta migliore, ma abbiamo idee divergenti su quale usare”. Entrambi hanno eccellenti qualità nell’ambito delle attività di Rete (networking), possono “girare” su molte architetture hardware in commercio, e vengono adoperati quando la sicurezza diventa un fattore critico per la salvaguardia delle informazioni o delle operazioni di un server. Sono pertanto la soluzione ideale per Lanparty o partite in multiplayer.

Spesso ci si riferisce con Linux solo al kernel (il nucleo, dall’inglese) del sistema operativo, mentre il nome FreeBSD viene dato all’insieme dei software che girano sul calcolatore sotto la licenza BSD. Un’altra differenza, abbastanza evidente, si riscontra nel ciclo di sviluppo: decentralizzato su Linux, centralizzato in FreeBSD. Il prodotto finale è di solito una distribuzione Linux che combina il kernel, gli strumenti di produttività, un ambiente desktop e altre applicazioni, mediante un gestore di pacchetti (deb, rpm, tar, ecc.); al contrario gli sviluppatori di FreeBSD lavorano sempre sullo stesso gruppo di programmi (base system) che consegnano aggiornato e pronto per l’installazione. Al massimo esistono delle varianti che soddisfano i gusti di determinate utenze di computer, ad esempio l’utente occasionale (casual user) di PC-BSD. Le maggiori distribuzioni Linux sono Ubuntu, OpenSUSE e Fedora. I derivati di FreeBSD più famosi sono PC-BSD, Mac OS X, m0n0wall.

BSD e GNU sono due licenze di utilizzo dei programmi, fra le tante disponibili nel panorama del software di tipo open source. Rispetto alle alternative, sono state preferite da una ampia base di sviluppatori fervidamente convinti dei vantaggi che la ridistribuzione del codice sorgente può portare alla società.

FreeBSD 7.1

Questa era la mia prima installazione di FreeBSD e pertanto temevo di commettere qualche pasticcio; durante la procedura tenevo pronto sulla scrivania un computer portatile collegato al sito Internet http://www.freebsd.org, per evitare di bloccarmi in passaggi poco chiari. La grafica del programma di setup (sysinstall), realizzata con la libreria curses, mi ha lasciato perplesso fin dall’inizio. Però è andato tutto liscio sotto ogni aspetto: scelta della lingua, configurazione della tastiera, impostazione della scheda e dei servizi di rete, selezione dei pacchetti software da un elenco di categorie, e così via. Io poi avevo già creato una partizione di tipo FreeBSD con fdisk di Ubuntu, quindi credo di aver semplificato il procedimento. Sapevo infatti che il “partizionamento” faceva riferimento alle unità logiche che si usano raramente in Linux.

Inizialmente volevo svolgere un benchmark con Phoronix Test Suite, poi ho avuto un ripensamento perché non riuscivo a fare la maggior parte dei test previsti. Visto l’insuccesso, ho ripiegato su un altro metodo, forse laborioso ma efficace: l’esecuzione del timedemo in Enemy Territory. Mi serviva la registrazione (demo) di una partita, da ripetere sia su Linux che FreeBSD con alcune opzioni per il calcolo del frame rate medio di ciascun sistema. Non immaginavo che dal confronto potesse risultare una differenza di prestazioni quasi insignificante. A 800×600 pixels c’era uno scarto di appena quattro frame per secondo e raggiunta la risoluzione di 1280×1024, con un alto livello di dettaglio dell’immagine, sia Linux che FreeBSD facevano cento frame al secondo. Questi dati dovrebbero incoraggiare anche i più scettici a trasferire Enemy Territory da un sistema all’altro. Di solito su FreeBSD i videogame per Linux sono eseguiti con un emulatore (linuxator) che il giocatore, avido come è di tempi di risposta rapidi, potrebbe giudicare male; ma in questo caso non ha penalizzato l’elaborazione in modo marcato. Il computer utilizzato per la prova era il mio PC “assemblato” con la seguente componentistica, già ampiamente descritta in passato:

  • CPU Amd Athlon 64 X2 4800+
  • Mobo Gigabyte GA-M57SLI-S4
  • Kingston KVR800D2N5 DDR2 800Mhz, 1024MB * 2
  • Hard Disk Western Digital Caviar 80GB, 7200 rpm, 8MB di cache
  • Scheda video XFX Nvidia GeForce 8600 GTS, 256MB DDR2

Il software preso in esame invece era:

  • Linux Ubuntu 8.10 (x86), Xorg 1.5.2, Nvidia 180.44
  • FreeBSD 7.1 (x86), Linuxator con Linux From Scratch 6.4, Xorg 1.5, Nvidia 180.44

Spesso gli utenti tornano a usare Linux dopo un breve periodo di prova di FreeBSD. Per varie ragioni: i giochi commerciali sono una rarità, devono installare un emulatore (linuxator oppure vmware), non tutti vengono eseguiti meglio che in Linux. Ma soprattutto hanno difficoltà a trovare altri giocatori, ai quali chiedere aiuto o consigli.

 

Panzer sulla strada per Mosca

Giocai a un gioco molto simile a Panzer General nel 1988. Lo trovai allegato a una rivista per il computer C64. Si chiamava “Obiettivo Mosca”. In realtà il titolo originale era “Road to Moscow”, ma a quei tempi la casa editrice Logica 2000 faceva rimuovere da esperti programmatori la protezione ai videogiochi per ridistribuirli nelle edicole con nuovi nomi e prezzi più bassi. Panzer General fu pubblicato nel 1994 da Strategic Simulations. Riscosse subito un enorme successo fra gli utenti del sistema MS-DOS; ottenne anche un Origin Awards come miglior gioco di strategia e simulazione. Si trattava, essenzialmente, di un wargame a turni con regole analoghe a quelle degli scacchi: il giocatore muoveva i propri pezzi sullo scacchiere quando gli toccava, cercando di limitare le perdite o di mettere in trappola l’avversario.
Nonostante siano passati oltre dieci anni, Panzer General secondo me esercita ancora una forte attrattiva, perciò voglio riproporlo. Certo potrebbe sembrarci banale se lo confrontiamo con i titoli recenti costruiti con la grafica 3D, la musica e gli effetti sonori innovativi permessi dalle nuove tecnologie. Comunque, ho passato ugualmente le ultime due settimane a ideare piani, spostare pedine e contenere le minacce del nemico come un vero Generale. Il gioco resta divertente, inoltre segue fedelmente alcuni avvenimenti della seconda guerra mondiale. Ripassare un po’ di storia in questo modo, non guasta: tra gli scenari previsti spiccano l’invasione della Polonia, l’operazione Barbarossa, la caduta di Berlino, la campagna d’Africa di Rommel, soprannominato la volpe del deserto.

Bisogna affrontare un altro giocatore o il computer su 38 scenari di battaglie sia storiche che immaginarie del periodo compreso fra gli anni 1939 e 1945, presi singolarmente o all’interno di una campagna di guerra (sono le due modalità di gioco). Durante una “campagna”, si assume il comando supremo delle armate tedesche, composte da unità di vario tipo: forze di terra (Heer), aeree (Luftwaffe) e navali (Kriegsmarine). In questo gioco le unità hanno nomi storici e riportano informazioni accurate; guadagnano esperienza, scontro dopo scontro diventano più forti. Ogni missione va portata a termine entro un certo numero di turni senza trascurare l’obiettivo: distruggere tutte le unità dell’avversario, oppure occupare le aree strategiche (città, aeroporti, porti). Se si raggiunge lo scopo col massimo numero di mosse, la vittoria si dice minore, altrimenti è maggiore, quindi schiacciante. C’è una disfatta quando tutte le unità vengono distrutte, oppure scade il tempo concesso per la guerra: siamo tacciati di incompetenza al comando e non c’è altra possibilità che riprendere la campagna dall’inizio. La strategia è una disciplina; qui si fanno i conti con diversi fattori importanti governati dalla IA: le condizioni meteo, la difesa eccezionale, il fuoco difensivo, l’attacco di sorpresa, i rifornimenti ai mezzi o il rinforzo delle truppe.

Lgeneral: Operazione Barbarossa
Lgeneral: Operazione Barbarossa

Il progetto Lgeneral cerca di rilanciare e aggiornare Panzer General. L’engine utilizza gli scenari 2D originali, quelli presenti sui dischi distribuiti da Stratecic Simulations. Oggi sono pure raccolti online in un archivio tar, e l’autore di Lgeneral ci tiene a precisare che il materiale ancora è sotto copyright di SSI, ma utilizzabili. Le due versioni del gioco si differenziano soltanto per poche modifiche alle regole. LGeneral non è perfetto sotto tutti i punti di vista: si può migliorarlo aggiungendo un menù per la selezione delle unità, i messaggi di aiuto o segnalazione, ad esempio quando soppraggiungono i rinforzi; bisogna correggere gli svarioni della IA, troppo evidenti nelle battaglie navali tra sommergibili; la IA del gioco schiera le unità sullo scacchiere nelle solite posizioni prevedibili. Non resta altro da fare che provare personalmente LGeneral, per di più senza troppo impegno, dato che non serve cercare un emulatore e configurarlo.

Linux e il 3D Benchmarking

L’analisi delle prestazioni di un elaboratore consiste nel misurare le capacità di calcolo con un insieme di programmi (carico di lavoro, detto workload) particolari. “Nella maggior parte dei casi le prestazioni sono l’attributo più importante nell’orientare la scelta fra diversi elaboratori disponibili” (Patterson e Hennessy, Struttura e progetto dei calcolatori, pag. 37). Certamente la misura da sola non suggerisce alcuna indicazione utile all’acquirente. Occorre ripeterla fra varie macchine, cioè svolgere un confronto e poi riferire i risultanti. Studiando questi dati, nel corso degli anni, i progettisti hanno perfezionato gli elementi del personal computer che davano maggiori prestazioni in certe aree piuttosto che in altre. L’acceleratore grafico (GPU) ha sostituito la CPU nei calcoli geometrici e si è specializzato sul rendering delle scene 3D. La tecnologia SLI (o l’alternativa Crossfire), di recente invenzione, promette di raddoppiare o triplicare (quasi), a seconda del numero di GPU messe in parallelo, le prestazioni dell’elaboratore con le applicazioni 3D che sono prevalentemente giochi basati su OpenGL o DirectX. Gli ingegneri hanno aggiunto poi alla GPU le istruzioni macchina per risolvere complicate formule di matematica e fisica, mi riferisco all’engine CUDA di nVidia. Una valutazione accurata sull’efficienza del sistema hardware e software viene svolta con un gruppo di benchmark. Si tratta spesso di programmi individuati fra quelli che l’utente utilizza abitualmente (Phoronix Test Suite), oppure sono applicazioni specifiche che esaminano determinate componenti (CPU2006, RAMSpeed, ecc). Oggi la grafica 3D richiede più potenza e memoria di qualsiasi altro programma per PC. Quando usiamo i videogiochi come carico di lavoro sul nostro banco di prova, otteniamo una previsione molto attendibile delle prestazioni del calcolatore. Il metodo è semplice. Possiamo valutare l’affidabilità del nostro computer partendo dai seguenti giochi: Quake III, Unreal Tournament 4, Doom 3, Enemy Territory, Quake Wars, Savage 2, Nexuiz, perché li troviamo a pagamento, gratuitamente o come demo nel World Wide Web e con uno sforzo minimo riusciamo a installarli in Linux.

Quake Wars

Quake Wars si adatta bene all’analisi delle prestazioni. Il suo motore grafico è derivato da Doom 3 e incorpora la tecnologia denominata MegaTexture che migliora indubbiamente l’aspetto del gioco negli spazi aperti della mappa. Possiamo adoperare, per il nostro scopo, la versione di prova oppure quella commerciale. Prima dobbiamo scegliere la mappa, quindi registrare una partita da Internet e poi ripetere la registrazione con una opzione determinata. Al termine dell’operazione, il motore grafico calcola il frame rate dividendo il numero totale di immagini che compongono l’animazione con il tempo, espresso in secondi, impiegato dalla macchina fisica per visualizzarle. Il risultato esprime l’effettiva prestazione della scheda grafica e del sottosistema hardware/software. Il valore suggerisce anche a quale risoluzione video possiamo giocare senza perdere troppa qualità nell’immagine.

Scarica uno dei pacchetti messi a disposizione per Linux

  1. Quake Wars demo v2.0 – Contiene la mappa Valley
  2. Quake Wars 1.5 Full – Richiede il DVD

Per registrare una partita, collegati a un server e premi il tasto F12. Troverai il file della registrazione nella directory:

$HOME/.etqw/base/demos

Dalla console del gioco esegui i seguenti comandi in successione:

com_unlock_FPS 1
com_unlock_timingMethod 0
com_showFPS 1
timeNetDemo FILENAME.ndm
condump FILENAME.log

Puoi mettere questi comandi, preceduti dalla parola chiave seta, in un file di testo chiamato NOMEFILE.cfg:

seta com_unlock_FPS 1
seta com_unlock_timingMethod 0
seta com_showFPS 1
timeNetDemo FILENAME.ndm (* questo senza seta *)

Poi dalla console devi soltanto invocarlo con: exec NOMEFILE.cfg

Non dimenticare la riga di comando di Unix che abilita la console (se disabilitata):

etqw +set com_AllowConsole 1

 

Lunga vita a Neverwinter

Il gioco Neverwinter Nights non fa più notizia nei siti esclusivi di videogiochi, eppure continua a esercitare il suo fascino su migliaia di persone da oltre sette anni. Il merito di questo successo va dato in parte ai DM (Dungeon Master, sono i narratori) e ai Builders che hanno mantenuto vivo l’interesse dei giocatori, scrivendo nuove avventure e costruendo nuovi scenari, in parte agli sviluppatori che hanno ideato dei metodi intelligibili per modificare il gioco. Il gruppo di strumenti Aurora fornisce un insieme di oggetti, creature e procedure. Quando l’utente apre l’applicazione deve scegliere il tipo, la dimensione, e il nome della mappa. Un’area viene plasmata con dei prefabbricati: sono modelli di medie o grandi dimensioni disegnati dagli artisti di Neverwinter e pronti all’uso. Il lavoro si arricchisce di particolari attingendo da un ampio assortimento di altri piccoli oggetti ordinari (i “posizionabili”): dai forzieri agli alambicchi per i negozi di alchimia, dalla balista distrutta all’albero morto, e così via. La mappa è messa (eventualmente) in comunicazione con un’altra tramite gli attivatori o le porte. Anche senza un progetto ben definito sulla carta, le idee possono prendere velocemente forma nel riquadro dello schermo. Basta un po’ di fantasia, impegno, conoscenza della riga di comando Unix, e le basi di un linguaggio di programmazione per conseguire dei risultati soddisfacenti. Purtroppo il programma non può essere eseguito da Linux, si usa la versione di Windows nell’ambiente Wine. I moduli funzionano comunque su entrambi i sistemi operativi. Questa soluzione utilizza la copia di Neverwinter Nights del disco rigido (virtuale) di Windows. Non c’è problema a mettere in comune certe directory del gioco (per esempio quella contenente i moduli) fra Linux e Windows, anzi si risparmia spazio sul disco. Sia chiaro, ciò resta facoltativo e ha poca importanza sul risultato finale.

La mia avventura si basava sulla campagna di Gallia condotta da Caio Giulio Cesare, descritta fedelmente nel suo libro “De bello gallico”; i Romani, i Galli e i Germani formavano le quest centrali della storia, mentre i mostri (goblin, coboldi, ecc.) erano di supporto. Ho assegnato all’avventura il titolo dello stesso libro e l’ho installata su un server locale per condividerla fra due computer. L’aspirante builder può realizzare una campagna di gioco in poche ore, facendo riferimento ai manuali distribuiti in Internet e consultando frequentemente i forum tematici (vd. Custom Content, Scripting, Toolset), dove altri utenti più esperti hanno già risposto a diversi problemi comuni. Di regola, il sistema resuscita il giocatore nello stesso punto in cui cade, ma molti DM preferiscono spostare il suo corpo in un tempio e rianimarlo. Il giocatore dovrebbe perdere punti esperienza nel caso subisca una sconfitta in duello. Lo scripting di Neverwinter permette di aggiustare questi due aspetti del gioco.

Dopo aver costruito un modulo a sé stante, occorre preparare il server, controllare che tutto funzioni bene, verificare i requisiti: una connessione a Internet, il numero di CD-Key, e la versione del programma. Non esiste una opzione della riga di comando per collegare direttamente il client al server (in Windows c’è +connect), bisogna passare per la modalità d’uso “multigiocatore” specificando il nome e la password registrati nel computer centrale di Bioware. Se il modulo è stato costruito con oggetti presi da Hordes of the Underdark e Shadows of Undrentide, ogni client della Lan deve disporre delle due suddette espansioni e le relative CD-Key. Il server fa un controllo rigoroso, non si sfugge. Oggi, purtroppo, è raro trovare in negozio una confezione nuova di Neverwinter Nights. Solo i codici hanno valore, perché le risorse del gioco si scaricano dalla rete. Quindi se vi capita di vedere una espansione in vendita a pochi euro, per esempio HOTU, compratene tre copie!

Vademecum

  1. Scarica il server di gioco (Win, Linux)
  2. Scarica le risorse del gioco (v1.29, Linux)
  3. Scarica la patch del gioco (italiano v1.29, Linux)
  4. Scarica gli eseguibili del gioco (v1.29, Linux)
  5. Scarica l’aggiornamento (italiano v1.68, Linux)
  6. Scarica la patch del gioco (Windows, per usare Aurora)

Problemi con l’avvio del gioco?

Per risolvere il seguente problema:

[ferocious@laptop-mango nwn]$ ./nwn
nwmain: xcb_lock.c:77: _XGetXCBBuffer: Assertion `((int) ((xcb_req) - (dpy->request)) >= 0)’ failed.
./nwn: line 12: 18836 Aborted ./nwmain $@

si deve rimuovere la directory lib dalla variabile d’ambiente LD_LIBRARY_PATH specificata nello script nwn.

Una sintesi del PC Gigabyte S-Series

Il PC Gigabyte S-Series (denominato Frag Storm) è un computer IBM compatibile con processore a doppio core che ho assemblato l’estate scorsa. Volevo un sistema radicalmente nuovo, cioè costruito da zero usando componenti più moderne, soprattutto per giocare a Savage 2, dato che il portatile A6Tc non lo reggeva veramente bene. Tuttora lo ritengo adatto anche per i giochi che acquisterò o proverò in futuro: Unreal Tournament 3, Postal 3, Rage, ecc. Dopo sei mesi, scrivo finalmente questo articolo soddisfatto dei risultati ottenuti e allego i grafici dell’ultima analisi effettuata sulle memorie DDR2 con la ben nota collezione di programmi Phoronix Test Suite per Linux. Le componenti che costituiscono il Frag Storm sono elencate di seguito assieme alle foto scattate all’epoca del montaggio. Dove possibile riporto il prezzo aggiornato di ogni pezzo.

Scheda madre

GIGABYTE – GA-M57SLI-S4 è la scheda madre che ho acquistato. La scatola include il manuale dell’utente in lingua francese e in inglese. Gigabyte è una marca che non ha bisogno certo di presentazioni; ho preferito il presente modello principalmente per tre motivi: il chipset è nForce, ha il dissipatore passivo e il disegno costruttivo della scheda appare molto elegante. Fa insomma un figurone con i cabinet aperti o semplicemente dotati di finestra come il mio. Colpisce subito lo stile grafico utilizzato per la stampa delle informazioni sulla scatola e sul libretto informativo, grazie alla scelta indovinata dei colori bianco/arancione/giallo/verde, con sigle evidenti sul lato superiore e diciture esaustive su quello inferiore. I loghi delle principali caratteristiche tecniche spiccano fra tutto il resto: Gamer’s Choice! SLI. Speed. Smart. Safe SATA 3Gb/s. Support AM2+ CPU. C’è un doppio involucro: quello esterno è sottile e patinato, quello interno si dimostra più robusto per custodire la scheda madre e gli accessori. Se la confezione è di qualità, si può tenerla in mostra sugli scaffali oppure rivendere l’oggetto senza pericolo di danneggiarlo durante la spedizione. Però le cose che mi piacciono particolarmente, come la Gigabyte M57SLI-S4, alla fine le custodisco nell’imballo originale in un armadietto, lontano dalla polvere e dall’umidità. Il codice GA-M57SLI-S4 fa riferimento al controller nForce 570 SLI e alle quattro funzioni principali offerte: SLI, Speed, Smart e Safe.

Dal punto di vista informatico, sulla mobo (da mother board) è saldato il socket AM2, adatto per l’installazione dei modelli Athlon 64 FX, Athlon 64 X2 Dual Core, Athlon 64 e Sempron. Il sito web di riferimento (vd. dettagli GA-M57SLI-S4) e la confezione specificano che la mother board ha la compatibilità per AM2+, il supporto si estende quindi anche alle CPU Phenom X3 e X4. E’ scontato che con queste capacità di espansione, si può ancora far ricorso ad un aggiornamento del sistema a un anno dall’acquisto o persino oltre. Il bus HyperTransport (FSB) collega la CPU al chipset per le operazioni di Input/output. I banchi della memoria Dram sono invece direttamente connesse alla CPU tramite la tecnologia Direct Connect Architecture, mentre il processore (MCP) nForce 570 SLI di nVidia permette l’inserimento di due schede video sui pettini PCIe x16 disponibili; le schede si abbassano però a lavorare in parallelo su due vie a x8, è il limite del chipset. Oggi questa configurazione, denominata SLI, garantisce anche agli utenti del sitema operativo Linux un incremento delle prestazioni nella grafica e nei giochi rispetto alla soluzione con scheda video singola. La scheda con un grosso dissipatore, se inserita nel secondo bus PCIe x16, rende inutilizzabile l’adiacente slot PCI di vecchia generazione a causa del layout compatto. Per quanto riguarda le connessioni di input/output di nForce, ci sono: un connettore per floppy disk, un connettore per dispositivi IDE (ATA 33/66/100/133), sei connettori SATA-II da 3GB/s, incluso il supporto via hardware per combinare i dischi in RAID 0, RAID 1, RAID 0+1 e RAID 5 i dischi SATA. Il Marvell 88E1116 è il microcontrollore LAN ethernet da 10/100/1000 Mbit, regolato dal modulo nforcedeth del kernel di Linux. L’audio viene prodotto dal chip Realtek ALC888, con le più diffuse caratteristiche attualmente disponibili: High Definition Audio, configurazioni da 2/4/6/8 canali, riproduzione diretta dal lettore CD, ingresso e uscita S/PDIF. Le dieci porte USB consentono il collegamento di un soddisfacente numero di periferiche: stampante, mouse, tastiera, ricevitori DVB-T, e molto altro. Prezzo, iva inclusa: 70,80

Cabinet

Thermaltake – Armor Jr. Per l’assemblaggio del Lan Party UT250 avevo scelto il Vostok di Enermax, un cabinet robusto ed economico, ma per il nuovo PC volevo fare le cose in grande stile comprandone uno munito di finestra che non costasse un patrimonio e che potesse eventualmente ospitare un sistema di raffreddamento a liquido. Poiché la postazione di lavoro era composta da mobili di legno in pino massiccio, dovevo procurarmi un case di colore nero, di tipo miditower, non troppo pesante perché l’avrei collocato su uno scaffale IVAR di IKEA che porta al massimo venticinque chili per ripiano. Il Thermaltake Armor Jr. mi piaceva esteticamente ed era proprio adatto ai miei scopi. L’avevo ricevuto a casa ad agosto, imballato in uno scatolone con doppio strato di cartone, ma all’interno protetto ulteriormente da cuscinetti di polistirolo e da una cuffia di materiale sintetico tessuto a “nido d’ape”. Oggi si trova in commercio in diverse versioni, con alimentatore a partire da 400W oppure senza alimentazione. L’Armor Jr. presenta due lunghe placche di alluminio che realizzano una originale armatura per il pannello anteriore. All’occorrenza le ante vanno aperte, per far scorrere il cassetto del lettore di DVD oppure per raggiungere meglio i pulsanti dei dispositivi di controllo (accensione, spegnimento, raffreddamento, ecc.). La finestra di plastica del fianco sinistro non ha una linea semplice, si distinguono quattro curve che lasciano comunque intravedere la scheda madre e buona parte dei cestelli per gli apparecchi da tre e cinque pollici. Sul lato posteriore in alto c’è spazio per il blocco di alimentazione, al centro si vedono gli sfiatatoi esagonali della generosa ventola di raffreddamento da dodici centimentri, in basso le sette aperture per l’upgrade hanno un efficacie sistema di bloccaggio delle schede. Il cabinet è conforme allo standard ATX, con la possibilità di cambiarlo a BTX mediante un kit supplementare. All’interno i cavi di vari colori del bottone d’accensione, di reset e delle spie luminose sono intrecciati fra loro; invece i fili per le prese (nascoste da uno sportellino sul lato superiore) USB, Firewire e audio sono isolati da una guaina nera. Dietro al pannello anteriore è stata installata, all’altezza del cesto più piccolo, un’altra ventola da dodici centimetri con led di colore blu incorporato. La ventola fa un effetto suggestivo a computer accceso, ma di nascosto esegue anche un lavoro molto utile: convoglia un flusso d’aria fresca ai dischi rigidi e alle restanti componenti. Prezzo, iva inclusa: 115,20

CPU e memoria

CPU e memoria sono rispettivamente i modelli AMD – Athlon 64 X2 e Kingston – KVR800D2N5. Il processore Amd Athlon 64 X2 4800+ per socket AM2 ha un doppio core con frequenza operativa di 2.5 Ghz, consuma 65 Watt e dispone di una cache L1 da 128Kb e L2 da 512Kb per ciascuna cpu. Ad agosto costava 53€; non è più in commercio.
La memoria Kingston KVN800D2N5 ha 8 chip per lato da 64MB ciascuno, è di tipo DDR2 da 800MHz e appartiene alla categoria ValueRAM per sistemi desktop generici; non presenta un dissipatore passivo. Avendo acquistato due moduli, ho speso 44€, ma oggi si trovano a circa 13,50€ cadauno. Ho ritenuto opportuno installare 2GB, per ottenere stabilità e fluidità di gioco soprattutto in Savage 2. Il test con ramspeed ha rivelato una velocità di trasferimento pari a 2262 MB che non sembra eccezionale, ma resta pur sempre nella norma.

Assemblaggio e alimentatore

Per il montaggio del PC ho utilizzato soltanto il cacciavite e la forbice, impiegando circa un’ora. L’alimentatore iTek fornisce 500 Watt di potenza, la minima per un sistema SLI; però io ho acquistato una sola scheda video, di per sé già abbastanza potente: la nVidia GeForce 8600 GTS di XFX. Questo modello GeForce 8, avendo una GPU con frequenza di 675MHz e 256MB di memoriea DDR3 da 1008MHz, supera notevolmente la GeForce 7300 Go del portatile nei giochi eseguiti ad alte risoluzioni (anche dell’ordine di 1680×1024 pixels).

 

Gioca a Savage 2 Free

Spero non vi sia sfuggita la notizia su Savage 2: il gioco ora è free. La registrazione di un nome identificativo sul sito è ancora necessaria ma si tratta di un’operazione gratuita. Con questo tipo di account (standard) si può partecipare a una partita in Rete e giocarsela alla pari degli altri utenti paganti (premier). Preciso che ci sono alcune limitazioni, ma queste non penalizzano molto l’esperienza individuale. Io consiglio l’acquisto online del gioco, spendendo la modica somma di 7€, per dei buoni motivi: si possono utilizzare senza restrizioni le unità infernali (Hellbourne) e consumare le anime raccolte (vedi sotto); si ha l’opportunità di creare un clan e invitare altri giocatori (con standard o premier account); si accede sul Web alla classifica generale oppure alla pagina con i punteggi personali per constatare il livello raggiunto; è possibile spulciare le statistiche di amici o avversari nel gioco stesso; si dispone nell’inventario di sei scomparti per portare con sé vari accessori: articoli persistenti, armature, pozioni, munizioni, ecc. Infine, ma non meno importante, sono disponibili i replay dei match giocati, fondamentali per imparare i trucchi del mestiere. Tutti gli altri, con un singolo account standard, possono evocare un Malphas per venti anime, diventare un Devourer con nove, trasformarsi in un Revenant consumando quattro anime; hanno un inventario da quattro scomparti.

Savage 2 ora è gratuito
Savage 2 ora è gratuito

L’obiettivo della modalità di gioco principale di Savage 2, è la distruzione totale della base principale degli avversari: la Stronghold per gli umani e la Lair per le bestie. Le due squadre si fronteggiano sul campo con vari mezzi. Le armi da fuoco o i poteri magici (per le bestie) più potenti devono essere però fabbricati in costruzioni particolari, il cui nome dà subito una idea dell’utilità in battaglia. Così ad esempio abbiamo l’edificio Armory per fabbricare armature, munizioni e armi a distanza, anche le torri lancia dardi; il Nexus per le spire lancia fulmini degli animali); il Predator’s Den fornisce alle orde un feroce cannibale (Predator); il Siege Workshop mette in circolazione le unità semoventi o innalza una torre cannone, e così via. Tutto ciò ha un costo per la squadra, naturalmente. Il commandante gioca un ruolo importante in questa fase, perché deve valutare attentamente quando e dove piazzare le costruzioni e soprattutto incitare i compagni di squadra a fare donazioni per accellerare il processo costruttivo. Il Predator costa quattrocento monete d’oro al giocatore, quest’ultimo può guadagnarle facendo scempio degli NPC (personaggio controllato dal computer), uccidendo gli avversari oppure distruggendo le costruzioni nemiche. Si instaura un equilibrio delicatissimo: più si fa quadrato attorno alla base e agli avamposti (Garrison o Sublair) oppure si attacca all’unisono in casa del nemico, più facilmente si giungerà alla vittoria finale. Non vedo bene un Builder nel ruolo di Rambo, piuttosto dovrà mantenersi sulla linea difensiva per riparare i danni oppure seguirà l’assalto dei compagni per demolire gli ostacoli (spire, sublair, ecc). Mi è capitato di portarmi da solo, con questa classe, a ridosso della Lair. Volevo costruire una Garrison strategica (in gergo Back Door), ma si è trattato di un caso disperato. Era l’ultima chance, quando ormai le orde avanzavano da ogni parte. Questa tattica ha successo solo se l’avversario abbassa il livello di guardia!

Generalmente all’inizio della partita il commander installa la pompa per estrarre i materiali minerari che sono necessari per il funzionamento delle torri e delle spire. Capita però di restare senza un commander – da quando il gioco è gratuito molto più raramente – allora spetta al Builder o al Conjurer costruire edifici e amministrare i soldi dell’intera squadra. Lo Scout e il Shapeshifter sono unità molto particolari, non adatte all’attacco frontale contro ostici nemici, Piuttosto conducono con maestria incursioni solitarie negli avamposti, piazzando per esempio sacche esplosive (fabbricate nell’Armory) o compiendo un estremo sacrificio (abilità denominata Sacrifice e dipenendete da Nexus). Il Shapeshifter possiede due facoltà particolarmente interessanti: il Polymorph per assumere le sembianze di un nemico. Bisogna usarlo con molta attenzione. Se si entra infatti in una zona controllata dagli occhi di uno scout, gli umani potranno facilmente riconoscere l’intruso. E poi ha l’Acid Spray, una sberla accecante che disabilita anche le skill per alcuni secondi e riduce i movimenti. Per contro, lo scout possiede il potere dell’invisibilità, a meno che nei paraggi stazioni il pipistrello dell’Hunter, egli sarà libero di muoversi inosservato per un minuto circa e piazzare la bomba in posti opportuni (per usare queste abilità è meglio portarsi dietro una pozione supplementare di Mana). Gli infernali Hellbourne sono gli esseri più potenti in circolazione. Per evocarli bisogna costruire l’altare (Hell shrine) e ogni giocatore deve possedere un numero preciso di anime, prese all’avversario. L’ideale sarebbe mantenere un avamposto nei pressi dell’altare e controllare la zona fino a quando i componenti della squadra non hanno raccolto un numero sufficiente di anime.

Il sistema migliore per imparare velocemente uno stile di gioco vincente, richiede pratica e furbizia. Il combattimento ravvicinato consiste di tre semplici mosse: attacco veloce (con arma a una o due mani), salto con attacco (per sbloccare la difesa), parata (riduce il danno). Esso si adatta molto a uno scontro frontale sì, ma sempre in movimento, con colpi da tergo che fanno maggior danno. Do un suggerimento spassionato a chi comincia l’avventura in Savage 2: restate vicini alla base o agli avamposti e difendete la posizione; cercate lo scontro individuale, oppure seguite il gruppo e rimanete defilati. Attaccate solo quando vedete un avversario in difficoltà. Scappate se un Malphas si presenta sul percorso. Tenete nell’inventario sempre un paio di pozioni per il mana e i punti ferita. Lo skill factor ha importanza fino a un certo punto, anzi oserei dire che è utile per la gloria personale. Solo col tempo si capiranno molti trucchi, si scalerà la classifica fino a diventare primatisti nell’arte della demolizione, del duello o nell’accumulare tanti punti esperienza per minuto (SF, Skill Factor).

  • Grafica: 8.5
  • Suono: 7
  • Gioco: 9
  • Sistema:8
  • Globale
    • 8.125

 

Standing ovation a Hothead Games

Che autunno ragazzi! Mi accingo a provare la nuova avventura di “On the Rain-Slick: Precipice of Darkness”, costatami appena undici euro e mezzo. In verità la aspettavo per Natale, ma devono aver lavorato davvero con eccezionale entusiasmo i programmatori di Hothead Games, dato che la consegnano già questo mese.

La novità più sensazionale secondo me è questa: a partire dal secondo episodio di Penny-Arcade, il sistema chiamato Nitrogen riporta su GreenHouse il numero di uccisioni e di trionfi ottenuti nei duelli di ogni singola partita. Le statistiche sono in bella mostra in un riquadro della scheda personale memorizzata sul sito, nell’elenco dei primi cinquanta giocatori di tutti i tempi e funzionano anche offline. Basta lanciare il gioco ogni tanto con la connessione a Internet per aggiornare il profilo del giocatore.