Category Archives: Generale

Il driver Nvidia e il problema di num_physpages

A luglio Linus Torvald rimosse la variabile num_physpages dalla versione 3.11 del kernel di Linux. Questa decisione ha però determinato una conflittualità tra il codice sorgente del driver fornito da Nvidia e il kernel stesso. La num_physpages era definita nel gestore mm della memoria di Linux.

Oggi, l’ultimo driver stabile di Nvidia è il 319.60 e ci sono ancora i riferimenti alla variabile suddetta nel file d’intestazione nv-linux.h. Se anche voi avete una distribuzione con il kernel 3.11 (o più recente) e tentate, come ho fatto io, di compilare il driver per le schede video, otterrete il seguente messaggio di errore:


In file included from /tmp/selfgz4790/NVIDIA-Linux-x86_64-319.49/kernel/os-interface.c:26:0:
   /tmp/selfgz4790/NVIDIA-Linux-x86_64-319.49/kernel/os-interface.c: In function ‘os_get_system_memory_size’:
   /tmp/selfgz4790/NVIDIA-Linux-x86_64-319.49/kernel/nv-linux.h:1040:41: error: ‘num_physpages’ undeclared (first use in this function)
    #define NV_NUM_PHYSPAGES                num_physpages
                                            ^

Come già detto, num_physpages è stata tolta da Torvalds, quindi per il momento non c’è altra soluzione che correggere il file nv-linux.h del driver con una patch oppure un editor di testo. Potete scaricare la patch dalla Rete, ma si tratta di un file specifico per una particolare versione del driver di Nvidia che dovreste adattare alla vostra situazione. A questo indirizzo troverete le istruzioni per procedere nel modo corretto. Oltre a servirvi di una patch, in alternativa potete modificare il file nv-linux.h durante l’installazione del driver, per esempio seguendo questa procedura:

  1. Eseguite l’installer di Nvidia con l’opzione -x, il comando decomprirà l’archivio che contiene il codice sorgente del driver.
  2. Modificate il file nv-linux.h, che trovate nella directory kernel, con un editor, vi oppure gedit vanno benissimo.
  3. Cercate la riga che ha la seguente definizione in linguaggio C #define NV_NUM_PHYSPAGES   num_physpages, dovreste trovarla inserita fra altre definizioni, esattamente come nell’esempio sottostante:
    
    #if !defined(NV_VMWARE):
    #define NV_NUM_PHYSPAGES                num_physpages
    #define NV_GET_CURRENT_PROCESS()        current->tgid
    #define NV_IN_ATOMIC()                  in_atomic()
    
  4. Dopo la riga corrispondente all’istruzione condizionale #if, ma prima della definizione #define NV_GET_CURRENT_PROCESS ecc. dovete creare un nuovo blocco che corrisponda al seguente codice per il preprocessore C:
    
    #if LINUX_VERSION_CODE &gt;= KERNEL_VERSION(3, 11, 0)</p>
    #define NV_NUM_PHYSPAGES                get_num_physpages()
    #else</p>
    #define NV_NUM_PHYSPAGES                num_physpages
    #endif
    
  5. Ultimate le vostre modifiche, avrete esattamente questo:
    
    #if !defined(NV_VMWARE)
    #if LINUX_VERSION_CODE &gt;= KERNEL_VERSION(3, 11, 0)</p>
    #define NV_NUM_PHYSPAGES                get_num_physpages()
    #else
    #define NV_NUM_PHYSPAGES                num_physpages
    #endif</p>
    #define NV_GET_CURRENT_PROCESS()        current-&gt;tgid
    #define NV_IN_ATOMIC()
    
  6. Potete ora chiudere l’editor ed eseguire il comando nvidia-installer che trovate nella directory principale del driver.

Ubuntu 13.10 è in circolazione da poco tempo e utilizza un kernel recentissimo che non è compatibile con il driver per le schede video GeForce. Il bug dovrebbe essere ormai già noto ai programmatori di Nvidia, anche se il problema non sembra molto diffuso fra gli utenti. In questo caso è bastato cercare la patch con un motore di ricerca, usando i termini num_physpage, kernel 3.11 e Nvidia. Vista l’importanza raggiunta da Linux, e in particolare dalla distribuzione Ubuntu, mi aspetto da un giorno all’altro un driver che sia compatibile con il recente kernel 3.11 e 3.12.

Nvidia non deve abbassare i prezzi

Dovrebbe abbassare i prezzi Nvidia? A questa domanda una fonte che conosce profondamente l’industria delle schede video ha detto, in un’intervista rilasciata alla rivista PCR, che non è necessario un gioco al ribasso sul prezzo di listino delle GeForce Titan. La fonte ritiene che il nuovo processore grafico Radeon R9 290X  di AMD non batterà di molto il modello di prima classe di Nvidia. I benchmark di alcuni siti specializzati mostrano quest’oggi una differenza modestissima di FPS: con un test di 45 secondi fatto eseguendo il gioco Tom Raider a qualità “ultra” e alla risoluzione di 3840×2160, è risutato che solo quattro frame per secondo separano le due schede. Inoltre, c’è anche una diceria che circola intensamente a proposito di un modello erede del Titan che Nvidia metterebbe in vendita per competere meglio con il nuova accelleratore grafico di AMD. Se fosse vera, sarebbe opportuno effettuare il taglio al prezzo della Titan.

Diamoci un taglio
Diamoci un taglio

Al di là dell’aspetto economico di queste schede di prima classe, bisogna considerare che si tratta di bench effettuati a risoluzioni HD, pochi giocatori le usano. Inoltre, queste schede per il momento non hanno sbocco nel gaming sotto Linux dove tra i driver dei due produttori c’è troppa disparità di qualità (vd. i recenti bench di Miachael Larabel) e l’offerta di video game è limitata.

Fonte:

  1. ‘Nvidia doesn’t need to lower prices to compete with new AMD R7/R9 cards’

Debunking di giochi per Windows

Vorrei sfatare la credenza, assai diffusa, della inferiorità di Linux rispetto a Windows nell’attività ludica col computer. Dopo molti anni passati a smanettare con i sistemi operativi open source, ho deciso di scrivere un debunking del falso mito “Windows è migliore di Linux” perché ritengo che i vecchi pregiudizi siano ormai superati, si diceva e si dice ancora oggi che il sistema operativo di Microsoft ha più videogiochi, possiede API specifiche per programmare il suono e la grafica, c’è il software di controllo (driver) della scheda video con prestazioni eccezionali, e via discorrendo. Non è più così.
Ultimamente vengono fatti sempre più spesso tentativi di ridimensionare la cattiva fama di Linux in questo particolare ambito dell’informatica e la letteratura sull’argomento si sta arricchendo (vd. anche il tag debunking), segno che i tempi cominciano davvero a cambiare.

L'incontro fra Microsoft e Linux
L’incontro fra Microsoft e Linux

Molte persone si lamentano per la scarsità di giochi, la realtà è però diversa, loro vorrebbero poter eseguire i giochi preferiti su Linux. Ci sono quattro semplici soluzioni a questo problema: cercare un titolo equivalente, ma di tipo open source; individuare quelli multi-piattaforma (i cosiddetti cross-platform); provare con Wine; predisporre il computer con il dual boot (il doppio sistema di avvio).
Ogni sistema operativo ha una rispondenza di mezzi ai fini e delle aree d’impiego dove dimostra di essere superiore rispetto alle piattaforme software alternative. Nel progetto originario di Linux non c’era l’obiettivo di avvicinare la gente ai videogiochi perché chiaramente esistevano già le console dedicate. Linux è stato prima un software di nicchia dei geek, poi una scelta obbligata per gli esperti e i professionisti con un’ampia conoscenza di UNIX, Internet e reti di computer; tuttavia oggi i suoi utilizzi sono ben più ampi e gode di crescente popolarità in nuovi campi. Linux viene infatti apprezzato nella computer grafica, nella ricerca scientifica, nel mobile computing, e nello svago – come cercherò di dimostrare.

Quando c’era Loki Software (dal 1998 al 2001), i migliori giochi di Windows venivano “portati” su Linux, erano Quake III Arena, Civilization: Call to Power, Myth II, Soldier of Fortune, Railroad Tycoon II, Descent II e tanti altri. Finalmente una software house faceva investimenti nel settore, al pari di Microsoft o Apple. Distribuiva anche diversi strumenti (poi diventati free software) che semplificavano la procedura di installazione, configurazione o rimozione del gioco stesso: il programma Loki Installer, le librerie SDL e OpenAL (ancora ampiamente utilizzate). Seppur coraggiosa ed originale, l’impresa terminò purtroppo dopo appena tre anni per bancarotta. I PC Games dominavano il mercato e la maggior parte dei giocatori, potendo avviare sia Windows che Linux, era contraria ad acquistare due versioni dello stesso gioco. Inoltre la vendita avveniva per corrispondenza, ad esempio tramite il negozio Tux Games, dato che era difficile trovare i Loki Games sugli scaffali dei supermercati. Comunque un’altra software house, la compagnia Linux Game Publishing, continuò l’impresa riproponendo un discreto numero di videogiochi.

L’ultimo decennio ha visto l’avvento della banda larga e di nuove forme di pagamento per via telematica. Sono quasi scomparsi gli intermediari fra sviluppatori e giocatori, se quest’ultimi non trovano un titolo nei grandi magazzini, provano a comprarlo online e a scaricarlo dal Web. È l’era della content delivery di Steam, Green House, GOG e Direct2Drive.

Qualora Valve rilasciasse Steam per Linux – è più che una congettura, abbiamo visto il primo esemplare del programma dopo lo scoop di Phoronix – si giocherebbe una partita alla pari con Windows. Molti altri giocatori passerebbero da Windows a Linux sapendo che i popolari Half Life, Counter-Strike, Team Fortress sono diventati cross-platform.
Per il momento però, se escludiamo l’idea di scegliere i giochi open source equiparabili ai titoli che ho appena citato, dobbiamo usare Wine. In poche parole, e senza entrare nel merito del funzionamento del programma, eseguiamo le applicazioni Windows su Linux, FreeBSD e Mac OSX. Questo sistema presenta ulteriori vantaggi: Wine è economico, infatti il suo costo è nullo (free) rispetto ai cento euro che occorrono per acquistare una licenza di Microsoft Windows; si scarica dalla Rete sotto forma di codice sorgente o di pacchetto con il codice binario pronto all’uso; ha una elevata compatibilità con Windows, dalla versione 3.1 alla recente Windows 7; è ottimo in termini di prestazioni.

Tanto il neofita quanto l’hardcore gamer apprezzano anche CrossOver Games e Cedega. Questi due software sono basati su Wine e forniscono una GUI (Graphic User Interface) che facilita sia l’installazione che la configurazione di numerosi giochi; l’utente può anche usufruire dell’assistenza di personale qualificato in caso di difficoltà con le operazioni. Da un confronto con Wine e Windows stesso, Crossover e Cedega hanno mostrato un livello di efficienza pari o superiore in molti test. Ma la qualità di questi software ha un prezzo che è meglio pagare quando Wine fa le bizze e non abbiamo tempo per aspettare una soluzione oppure una patch. In realtà con i videogiochi più gettonati fila tutto liscio. Di recente ho registrato un account di World of Warcraft e ho potuto constatare quanto sia semplice e veloce predisporre il necessario per l’avvio della partita online; riporto ulteriori esempi dagli esiti soddisfacenti: Guild Wars, GTA, Fallaout, Runes of Magic, Medal of Honor, Call of Duty, Battlefield 1942. Wine amplia le opportunità di gioco in Linux, ma non fa i miracoli. Prima di acquistare qualche cosa è bene informarsi se dà problemi, per esempio nella lista AppDB il software funzionante viene contrassegnato con “medaglie” di platino, oro o argento.

Un elenco di giochi è presente anche in Playonlinux. Gli utenti di questo programma usano i menu e le icone di una interfaccia grafica per scorrere la lista di videogiochi (o applicazioni) che desiderano provare. Alla base c’è un insieme di istruzioni, scritte nei linguaggi Python e Bash, che passate a Wine ne automatizzano i processi di installazione, configurazione o rimozione. Quando eventuali bug vengono scoperti, oppure una nuova applicazione supera i test, gli sviluppatori rilasciano un aggiornamento. Con Playonlinux sono finiti i tempi cupi passati a cercare nella Rete le soluzioni ai bug, le patch o i parametri di Wine.

Schermata di Playonlinux
Schermata di Playonlinux

L’hardware di un PC deve fornire una potenza adeguata al gioco, che il sistema sia Windows o Linux è indifferente. Un computer costruito con la componentistica di dieci anni fa a malapena riesce ad eseguire Enemy Territory: Quake Wars; la CPU Athlon XP 1500+ e la scheda video Radeon 9700 sono tipici esempi di pezzi troppo vecchi per essere montati oggigiorno nei cabinet, a meno che si voglia usare solo giochi e applicazioni altrettanto vecchie, mi riferisco a Counter-Strike, Quake 3, ecc. Oltre al requisito hardware/software, c’è un altro aspetto da considerare: l’assemblaggio di una “macchina da gioco” Linux deve cominciare con la ricerca delle componenti compatibili perché i prodotti sono garantiti in genere per Windows. Prendiamo la scheda video, è un elemento decisivo nella composizione dell’immagine sullo schermo che deve funzionare sempre ai massimi livelli, pertanto prima di acquistarla bisogna svolgere una opportuna verifica su Internet, magari chiedendo l’opinione di altri utenti nei forum: la scheda deve servire perfettamente il sistema operativo. Intel, ATI e nVidia sono le principali aziende che progettano GPU (Graphic Processing Unit, l’unità centrale di elaborazione della grafica) per le schede video; il programma che controlla le funzioni disponibili a livello hardware (il driver) è unico, in genere, per l’intera gamma di modelli: abbiamo quindi il Catalyst per le Radeon di ATI e l’UDA per le GeForce di nVidia; tralascio quelli open source perché il livello di prestazioni che possono raggiungere con i giochi è purtroppo inferiore.

È il momento di fare alcuni esempi concreti, cominciando da un gioco gratuito, d’azione e cross-platform che attualmente spopola su Internet.

Quake Live

Quake Live è un First Person Shooter (letteralmente tiratore in prima persona, spesso abbreviato con FPS) che ridà vita al classico e arcinoto Quake 3 Arena di dieci anni fa, sia modificando il motore grafico del gioco sia introducendo una serie di nuove funzioni: l’integrazione col web browser, le statistiche persistenti, il medagliere e un sistema per confrontare i livelli di esperienza dei giocatori, detti gladiatori, che si scontrano in un’arena attrezzata di armi, munizioni, scudi, potenziatori ed energizzanti.

Quake Live dentro il web browser
Quake Live dentro il web browser

Runes of Magic

Ci sono anche i “giochi di ruolo”, conosciuti come RPG (Role Player Game). Runes of Magic è un clone, in parte gratuito, di World of Warcraft; con questo non voglio dire che sia fatto male, tutt’altro! Su Linux “gira” abbastanza bene, ma l’installazione richiede molta pazienza perché viene distribuito con due archivi di notevoli dimensioni (4GB ciascuno). Senza un computer potente è meglio lasciar perdere questo gioco. Io l’ho provato su Ubuntu con l’ultima versione di Wine (1.2 RC2) e in Rete il sistema mostrava dei limiti evidenti nel gestire i luoghi affollati.

Heroes of Newerth

Preferisco catalogare Heroes of Newerth (HON) tra i giochi di strategia, tuttavia possiede alcune caratteristiche tipiche del gioco di ruolo: l’eroe ottiene attacchi speciali e vari attributi superando venticinque livelli di esperienza; inoltre può rafforzarsi acquistando gadget, armi e armature nei negozi. La classe del personaggio è basata sulla forza, l’intelligenza o l’agilità. La scelta deve essere fatta con giudizio, in modo che ci sia compensazione fra i cinque eroi della squadra. L’equilibrio rischia di spezzarsi facilmente quando i giocatori portano avanti azioni suicide e senza tatticismo –– nel gergo del gioco si dice “alimentare il nemico”. Per tutti è fondamentale guadagnare i soldi uccidendo i PNG o distruggendo le torri dell’avversario che difendono l’obiettivo del gioco: l’altare al centro della base.

HON: assalto alla torre
HON: assalto alla torre

Le grandi software house (Microsoft e Apple) dominano il mercato dei videogiochi perché fanno grandi investimenti per i sistemi operativi Windows e OS X, ma in Linux non mancano le opportunità di giocare e il programma Wine permette di arrivare ai titoli che oggi non sono cross-platform. Il sistema dual-boot potrebbe essere l’alternativa: quando Windows (oppure OS X) e Linux sono installati sulla stessa macchina, abbiamo praticamente tutto il “parco giochi” per PC a nostra disposizione e dato che spesso ci consegnano XP, Vista o Seven all’acquisto di un computer, sarebbe ingenuo non sfruttarli per giocare ai titoli che non si possono ancora eseguire su Linux.

 

L’importante è giocare

Avevo tutte le componenti pronte per il montaggio di un PC particolarmente bello e nutrivo fiducia in AMD perché stava dimostrando buoni intenti nel migliorare il driver per Linux delle schede ATI. Come molti di voi, credo, mi ero fatto questa opinione leggendo gli articoli di Phoronix. Così acquistai con convinzione una Radeon nel novembre del 2007. Ma già alcuni mesi dopo sospendevo l’impresa, infatti stavo dirigendo le mie forze per la realizzazione di un sistema completamente differente, composto da altri modelli e marche. Lo scorso luglio mi decisi finalmente, dopo un anno di tentennamenti, a prendere in mano cacciavite, viti e vademecum del perfetto ‘assemblatore’ per terminare il vecchio progetto: l’obiettivo era aggiornare un sistema basato su una mobo AGP (la Lan Party UT 250 di DFI) con componenti economiche (200€ ‘chiavi in mano’) e abbastanza potenti da permettermi di giocare con i giochi di ultima generazione (almeno Quake Wars). Avevo assegnato al computer il nome Caviator; riconosco di aver fatto una scelta non tanto fantasiosa, perché deriva semplicemente da Caviar che è il modello di disco rigido della ditta Western Digital ordinato assieme alla memoria DDR Kingston da 1GB, il cabinet Vostok di Enermax e il lettore di CDROM LG GH20NS10. Adoro dare un nome ai computer ‘assemblati’ che uso frequentemente per lavoro o per svago. In questo modo posso facilmente indentificarli con categorie specifiche quando devo parlarne su questo blog. Stavo scrivendo quindi una serie di articoli, cominciata nel giugno 2007 e che comprendeva già le seguenti parti

  1. L’idea originale
  2. Obiettivo 200€ per giocare
  3. Sapphire ATI 2600 XT. Scheda grafica di fascia media
Lan Party UT DFI 250, nF4 Ultra-D
Lan Party UT DFI 250, nF4 Ultra-D

E poi dovevo scrivere questo articolo e tessere le lodi di AMD e ATI. Invece la mia opinione personale va oggi nella direzione opposta: l’avevo montato a tempo di record, in mezzora il cabinet era già chiuso e davo corrente all’alimentatore per installare Ubuntu da CD. Non voglio dire che ci sia qualcosa che non va con il desktop di Ubuntu o l’esecuzione degli effetti grafici di Compiz Fusion. Al contrario va tutto bene. Le vicissitudini sono cominciate online, quando era il momento di fare sul serio con i giochi. Appena mi sono collegato a un server remoto di Quake Wars il computer ha fatto le bizze. Ho provato e riprovato per diverse volte, anche con Doom e Unreal Tournament 2004 — Non si sa mai, poteva essere antipatica la tecnologia Megatexture — ma ho di nuovo ottenuto lo stesso esito fatale: macchina inchiodata e inutilizzabile. Pensavo allora a un problema di surriscaldamento, eppure il Cabinet Vostok disponeva di una ventola supplementare di dimensioni generose (per consuetudine non pratico ocing sui miei computer). Se erano le memorie difettose, perché la più vecchia GeForce 5600 FX Ultra mi dava soddisfacenti risultati? No, la causa era software. Ho scoperto in seguito che i possessori di modelli HD 2400 e 2600 per bus AGP potevano godere dei benefici del driver unificato Catalyst a partire dalla versione 8.6, rilasciata lo scorso 18 giugno. Il modesto ’supporto’ per una antica tecnologia (AGP) non era abbastanza per un tipo esigente come me, avido di FPS, con la brama della perfetta stabilità del sistema. Così deluso potevo solo tornare ai patri lidi della nVidia con una GeForce 8600 GTS di marca XFX.

Tutto in sette giorni

Il mese era iniziato veramente bene. Diciamo che maggio si è presentato in generale ricco di novità; alcune le abbiamo scoperte nei giorni scorsi, altre arriveranno verso la fine. Per esempio, il demo di Penumbra Black Plague è stato rilasciato ad aprile e i patiti del genere Horror attendevano soltanto l’annuncio definitivo con il link al negozio per acquistarlo e quindi procedere con l’avventura. Sono stati accontentati da Frictional Games, la software house che ha ideato e sviluppato il gioco, il 2 maggio.

Penumbra: Black Plague

Penumbra: Black Plague
Penumbra: Black Plague

Non mi vengono in mente titoli migliori di Penumbra considerando il suo costo (13 euro), la qualità grafica e il viaggio ricco di emozioni che si compie in prima persona nei panni del protagonista del racconto. Per azzardo, mi riesce più facile un confronto diretto fra le vicissitudini di Philip e le vicende occulte di Dexter Charles Ward nel racconto di Lovecraft intitolato proprio “Il caso di Dexter Charles Ward”. D’accordo non c’è lo stesso spessore letterario, ma quanti giochi in questo momento esistono per Linux con una storia angosciosa, condita di orrore, mistero e dal finale imprevedibile? Le presenze inquietanti nelle profondità delle miniere norvegesi non sono divinità onnipotenti, eppure destano ugualmente preoccupazione, mettono agitazione, ossessionano. Sia Philip che Dexter a un certo punto della loro vita prendono una decisione importante: ripercorrere vecchi sentieri sulle orme del genitore o di un antenato per raggiungere il sommo della verità o della conoscenza. Provate la demo di Black Plague, già il primo livello contiene grattacapi niente affatto stupidi e allo stesso tempo dà una chiara idea a quale tipo di giocatore è dedicata. Non solo bisogna risolvere i puzzle ma occorre pure trovarli fra i pericoli! Insomma un videogioco per cervelli sopraffini.

Doom 4

Un’altra battaglia sta per cominciare nella guerra sempiterna fra il Bene e il Male. La miccia che darà fuoco alle polveri sarà, come preannunciato l’anno scorso, il videogioco Doom 4. La preparazione di nuove minacce è appena cominciata negli studi di id Software. Oppure sarà un adattamento di DOOM II: Hell on Earth? Tutti i giocatori intrepidi sono comunque richiamati ad armarsi di shotgun e BFG! Do per scontato che la notizia data il 7 maggio su Linux Games ci riguardi ad ogni modo.

 

Affare del mese: Penumbra Overture

Per 16.09 euro questo mese si scarica da Internet il primo episodio di Penumbra intitolato Overture. L’acquisto ritengo sia un affare in tempi di vacche magre per chi apprezza particolarmente i giochi singleplayer per Linux, indispensabile anche a comprendere la storia di Penumbra: Black Plague, la cui demo è uscita oggi (assieme a una patch per la demo di Overture, ndr).

Penumbra: Overture - Box art
Penumbra: Overture – Box art

Prima di acquistare Penumbra Overture è necessario:

  • un web browser con supporto al protocollo https (io ho usato Seamonkey 1.8.7)
  • una carta di credito valida, o una carta “prepagata” (Postepay per esempio va benissimo)
  • un indirizzo di posta elettronica
  • naturalmente un personal computer adeguato.

Il gioco è, oserei dire, fuori dal comune perché racconta una storia tragica e d’orrore, attraverso un originale sistema di puntamento, azione e guida del giocatore. Ci sono oggetti da raccogliere e riutilizzare, note da leggere con attenzione, imprevisti e pericoli quasi costanti. Tutto ciò viene affrontato in prima persona e con una visuale di tipo FPS, tanto per aumentare la suspense.
Sabato mattina, dopo aver scaricato e installato la mia copia di Penumbra, ho voluto verificare se il vecchio lupo mannaro stava ancora a ostacolare il passaggio nella caverna sotterranea. Terminato il terzo e ultimo livello presente nella versione demo, mi sono trovato infatti in una posizione di stallo: qualunque mossa tentassi di fare, l’animale mi attaccava e uccideva. Sia i testi che le voci fuori campo sono in inglese; la versione completa del gioco permette di riprendere l’azione dall’ultimo salvataggio automatico.

Savage 2. I primi passi

La versione demo, detto in tutta onestà, non dà grandi occasioni per completare i primi passi nel mondo di Savage 2: A Tortured Soul; il giocatore, con le restrizioni che si ritrova, perde il meglio del divertimento online. Alla fine potrebbe pensare male del gioco, abbandonarlo o farsi una idea sbagliata, invece Savage meriterebbe maggiore attenzione perché ha del potenziale da mostrare. Si tratta infatti di un videogame originale, sviluppato da una software house che ha sempre sostenuto il concetto della portabilità dei programmi fra sistemi operativi, dotato inoltre di un potente sistema di tracciamento – sia statistico che video – delle partite, costa poco.

L’installer di Savage 2 è realizzato con Mojo Setup. Dovrebbe creare una icona sul desktop e il nome di riferimento nel menu` Giochi, ma nulla è perfetto. Se non dovesse farlo, si può sempre rimediare di persona al termine del processo di installazione. Ad esempio, me la sono sbrigata con Gnome (v2.20) in questo modo: ho specificato i percorsi all’icona s2icon.png e all’eseguibile savage2.bin nella finestra di dialogo “Create Launcher” del desktop. Entrambi gli oggetti si trovano nella directory di Savage 2, gli stessi che ho usato per la voce nel menu` delle applicazioni. Il file di cofigurazione (video, keybinding, impostazioni audio) viene salvato nella directory $HOME/.savage2/game di ogni utente, così come gli screenshots presi durante la partita.

Avevo consumato appena venti minuti delle cinque ore concesse, quando ieri mattina senza indugio acquistai, anzi attivai sarebbe più corretto dire, per 20€ il mio account. Facendo ciò, mi sono garantito dei vantaggi che non sto tuttavia a elencare tutti: un tempo di attesa più breve fra un respawn e l’altro, possibilità di giocare come Commander o con le unità Hellbourne, “livellare” con l’esperienza acquisita. Ora do invece un consiglio spassionato: prendetevi una mezzora ogni giorno e fate pratica nel combattimento corpo a corpo contro il computer, studiate le caratteristiche delle armi e le capacità dei vari personaggi disponibili. La perfetta conoscenza dei concetti basilari è fondamentale per diventare guerrieri o comandanti provetti, temuti e rispettati in Internet. Dal menù selezionate “Practice”. Viene caricata una arena e lì si possono affrontare con il personaggio preferito fino a cinque avversari o distruggere altrettante strutture contemporaneamente, scelti dalla lista completa delle due razze: le bestie e gli uomini. In questo modo eviteremo poi di commettere errori banali o farci trovare impreparati durante le partite sui server ufficiali, dove il sistema registra ogni mossa, punteggio, vittoria o disfatta. Il nostro ego ne risentirà! Il resto si scopre intuitivamente nel mezzo di una battaglia, leggendo la documentazione o semplicemente osservando gli altri giocare. Io, per esempio, ho imparato nel pieno svolgimento di una controffensiva come mandare all’attacco i miei fedeli segugi. Sì, il summoner può evocare un Imp e un Bearloths; sono due formidabili compagni animali che mi hanno levato dai guai in diverse situazioni ieri sera.