Hard Disk esterno con Icy Box

Pochi giorni fa si è guastato il mio computer portatile Asus che usavo da almeno tre anni, in attività di vario tipo. Ho effettuato un controllo alla sua parte elettronica, ma non c’era più nulla da fare. Si è surriscaldato durante queste giornate afose di luglio; già altri proprietari del modello A6Tc hanno subìto prima di me lo stesso danno. Probabilmente per un errore di progettazione la scheda video ha raggiunto temperature elevate, bruciandosi.

Grazie alla modularità dei laptop moderni, certi elementi possono essere sostituiti in caso di rottura con altri più potenti o recuperati dai sistemi mal funzionanti. Mi dispiaceva rinunciare a 80 GB del disco rigido installato nel portatile, quello spazio poteva servirmi come memoria ausiliaria per il salvataggio di documenti, musiche, foto e file multimediali. Dovevo riciclare questa vecchia componente acquistando un box esterno.

Quasi sempre si tratta di unità da 2,5” di larghezza, con uno spessore molto piccolo, al fine di ingombrare il meno possibile. La funzione principale del dispositivo Icy Box B-220U-Wh è di collegare un disco rigido da 2,5” con interfaccia IDE a un computer via cavo seriale USB. Non solo permette di recuperare i vecchi dischi da portatili in disuso, ma si rivela anche un accessorio molto comodo in periodi di vacanze, avendo una trasportabilità eccezionale: è leggerissimo e si infila facilmente in un marsupio.

Il box acceso
Il box acceso

Imballaggio

Sull’involucro di cartone spiccano i grandi caratteri bianchi su sfondo nero usati per il marchio del fabbricante, la foto del dispositivo e un corpo di donna stilizzato che rammenta la leggerezza di questo prodotto. La confezione presenta inoltre una finestra nel punto dove il dispositivo è stato imballato: essa permette all’acquirente di farsi una chiara idea delle dimensioni dell’oggetto rispetto alla scatola che è molto più grande.
All’interno abbiamo la guida cartacea per il montaggio, un CD con il software di controllo e backup per Windows e alcuni accessori. Le spiegazioni sono tradotte in varie lingue, c’è anche l’italiano. I programmi sono superflui, se si intende adoperare l’Icy Box in un ambiente Linux. Invece la custodia di similpelle, il cavo USB e persino il cacciavite per il serraggio delle viti sono veramente utili.

Caratteristiche del prodotto

Le caratteristiche salienti del dispositivo riportate dal fabbricante sono essenzialmente quattro: un’eccellente dissipazione del calore fornita dalla base in alluminio; le dimensioni ridotte permettono un facile trasporto; un collegamento USB 2.0 da 420Mbit/s (60MB/s) che procura l’alimentazione (non c’è necessità di un alimentatore supplementare); supporta dischi da 2,5” alti fino a 9mm, ossia la maggioranza installata nei portatili di marca.

Montaggio e manutenzione

Poiché non sono richieste competenze particolari, il montaggio è alla portata di tutti; talmente facile e intuitivo che si può trascurare il manuale. Prima di tutto bisogna aprire il box, separando il coperchio bianco dalla base metallica. Poi si attacca il disco rigido al pettine PATA saldato sulla piccola basetta, dove trovano posto anche il controller , i tre led di segnalazione e la presa di alimentazione/trasmissione dati. Sul lato interno del coperchio ci sono le sedi per il circuito elettronico, esse servono anche per fissare fra loro i pezzi del box tramite due viti. La superficie esterna del dissipatore è protetta da una pellicola di plastica contro i graffi: può essere strappata dopo l’avvitamento delle viti al coperchio. L’assemblaggio si sbriga in dieci minuti, dopodiché basta allacciare la nuova periferica al computer con il cavo USB e accedere alla memoria di massa tramite le funzioni del sistema operativo. La superficie esterna si pulisce da impronte e polvere con un panno di “microfibra” che è impiegata spesso su altri oggetti domestici (CD, occhiali, ecc.), con risultati soddisfacenti.

Il Seagate Momentous 5400.2 aveva un laccio che agevolava l’estrazione dal suo alloggiamento nel portatile, ma ostacolava in questo caso la chiusura della scatoletta, per cui l’ho rimosso con un paio di forbici.

Momentous 5400.2
Momentous 5400.2

Per la progettazione della componente B-220U-Wh, Icy Box ha tenuto conto di tre principali funzionalità che espongo di seguito:

  1. L’impiego di materiali particolari (plastica e alluminio) per smorzare le vibrazioni del disco rigido
  2.  L’isolamento interno del disco rigido onde evitare il passaggio di eventuali correnti elettriche verso l’esterno.
  3. Fornire informazioni all’utente tramite tre led blu di segnalazione dello stato di accensione e utilizzo del dispositivo.

È stato prodotto un dispositivo maneggevole e leggero con un unico difetto: il chassis è difficile da riaprire senza un cacciavite, e si rischia di graffiare la superficie; il serraggio viene fatto solo con due viti su un lato e un incastro sull’altro.
Ho rilevato la velocità di trasmissione dei dati con il programma hdparm per Linux e l’ho poi verificato con il file manager Midnight Commander, trasferendo un file video di grosse dimensioni. Mentre il fabbricante prometteva picchi di 60MB/s, il Seagate Momentous 5400.2 lavorava a 30MB/s che è un valore molto inferiore rispetto alla media dei dischi SATA (70MB/s). Personalmente li ritengo sufficienti per la maggior parte delle applicazioni, ma non consiglio di utilizzare questa unità di accesso per giocare. In passato mi è capitato di mettere i Videogiochi su un hard disk SATA esterno che trasferiva informazioni via USB a 12MB/s, ma i grossi flussi di dati generavano tempi di caricamento appena accettabili.

La confezione
La confezione