Giochi moderni: il ritorno di Tactical ops

Devo risalire la china. Dopo otto mesi di assenza dalle arene è dura tornare ad affrontare giocatori del calibro di HellRazer a Tactical Ops: Crossfire. La versione 1.8 mi ha dato qualche grattacapo di installazione (in principio non ne voleva sapere di partire il gioco) e configurazione; praticamente ho dovuto smanettare direttamente con il file TOCrossfireUser.ini per regolare la sensibilità del mouse, perché dal menu’ grafico non riuscivo proprio ad aggiustarne il valore, assai importante dato che influisce sulla velocità dei movimenti dell’arma. Inoltre, avendo venduto di recente il monitor da 17″, dovrò giocarci da ora in poi facendo affidamento su quello del portatile con una visuale di appena 15.4″ che fa fastidiosi riflessi con la luce accesa in camera e non è dunque il massimo per distinguere bene le cose presenti. Comunque al di là di questi aspetti, sono rimasto deluso di fronte alla lista dei server semi-deserti; trovavo presenti a giugno dello scorso anno anche centoventi persone allo stesso tempo, mentre oggi ne ho potute contare circa sessanta. C’è stata dunque una perdita di interesse, ma il gioco meriterebbe molta piu’ partecipazione.

Tactical Ops: Crossfire, la mappa Forge 2
Tactical Ops: Crossfire, la mappa Forge 2

Prima di buttarmi nella mischia, mi sono fatto un giro solitario per TO-Forge2, il remake di una classica mappa di Tactical Ops: Assault on Terror. Il layout è stato copiato quasi al 100%, modificando cioè pochissimo. Là dove è stato tolto un muro o aggiunto un corridoio, la partita sembra mantenersi bilanciata e offrire spunti per passare velocemente all’offensiva o tenersi sulla difensiva, a seconda della squadra scelta per giocare; l’obiettivo è salvare gli ostaggi, per cui la SWAT dovrebbe fare un pressing costante!

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *